di


Yair Sahar eletto nuovo presidente dell’Israel Diamond Exchange

La Israel Diamond Exchange – IDE (la Borsa dei diamanti israeliana) ha un nuovo presidente, appena eletto: Yair Sahar, proprietario di Sahar-Atid Diamonds, sostituisce Avi Paz, che ha completato l’ultimo mandato (ricopriva il ruolo da sei anni) ed è ora presidente onorario. Contemporaneamente vengono diffusi i dati sull’industria diamantifera israeliana che ha esportato nella prima metà del 2011 4,3 miliardi di dollari.

“Il settore diamante israeliano è uno dei cardini dell’economia israeliana – ha spiegato il neo presidente Yair Sahar (nella foto a sinistra) -, con un fatturato annuo di 25 miliardi di dollari. Farò tutto il possibile per far crescere l’IDE affinché Israele resti leader mondiale del settore. Uno degli obiettivi della mia presidenza sarà quello di ritornare anche alla produzione di diamanti”.

Il presidente uscente Avi Paz ha dichiarato: “Yair Sahar è senza dubbio l’uomo giusto al posto giusto al momento giusto. Sono convinto che porterà l’industria israeliana al successo”.

Dai dati diffusi dal ministero israeliano dell’Industria, del commercio e del Lavoro sull’industria diamantifera del paese il percorso di Sahar sembra in discesa: straordinario recupero nella prima metà del 2011 con una crescita a due cifre nelle esportazioni e nelle importazioni di diamanti, sia grezzi sia lavorati.

È cresciuto di oltre un miliardo l’export dal 2010: nel primo semestre di quest’anno infatti il commercio estero ha raggiunto 4,3 miliardi di dollari (a fronte dei 3 del 2010): per i diamanti lavorati +33,9% e per quelli grezzi +39,8%.
Gli Stati Uniti si confermano il mercato di sbocco privilegiato per i diamanti israeliani con il 48% dell’export. A seguire, Hong Kong, Belgio, Svizzera e India.

“L’industria israeliana del Diamante sta raggiungendo nuove vette – ha detto Moti Ganz, presidente dell’IDI Israel Diamond Industry -. Si continua a mostrare grande forza e vitalità. Sono certo che le cifre della seconda metà dell’anno continueranno su questo trend positivo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *