di


World Ruby Forum, la Thailandia hub mondiale del rubino

La giornata di sabato scorso dedicata alla gemma ha riunito tutti gli esperti mondiali e ha accolto al suo interno anche il Congresso della Cibjo

World Ruby Forum_WRF Opening-min
L’apertura del World Ruby Forum, sabato a Bangkok

Il mondo del rubino si è riunito sabato al World Ruby Forum a Bangkok, organizzato dal Gem and Jewelry Institute della Thailandia – GIT. Una sinergia pubblico-privato che ha reso possibile un summit mondiale al  Shangri-La Hotel per raccogliere informazioni sulla gemma e mettere in mostra oltre 5 milioni di baht di gioielli con rubini. “Il World Ruby Forum 2017 è la prima riunione che mette insieme i professionisti del settore  di tutto il mondo – ha detto Apiradi Tantraporn, ministro del Commercio della Thailandia, alla cerimonia di apertura -. Il suo obiettivo principale è quello di promuovere, sostenere, aumentare la consapevolezza e creare una comprensione accurata sul valore e la bellezza del rubino, riconosciuto come il Re delle Gemme e una delle pietre preziose simbolo della Thailandia. L’evento è conforme alla politica del governo, che mira a stabilire il rubino come la più importante gemma esportata dal Paese e a promuoverlo come hub mondiale della gioielleria entro il 2021″.

World Ruby Forum_WRF Opening 1-min

Fattore chiave dell’economia thailandese, l’industria della gioielleria e delle gemme impiega oltre un milione di lavoratori, tra cui selezionatori di gemme, artigiani, tagliatori. Attualmente, in Tailandia l’80 per cento della produzione viene esportata: nei primi 9 mesi del 2017 (gennaio- settembre), le esportazioni di questo settore hanno superato quota 10,66 miliardi di dollari (364 miliardi di baht), quella di rubini ha generato 279,24 miliardi di dollari, che equivalgono a oltre 1.847 carati. I principali mercati di destinazione sono rispettivamente Hong Kong, Stati Uniti, Svizzera, India e Cina. Pertanto, l’industria delle gemme e del gioiello della Thailandia è una delle prime tre voci di esportazione del paese.

World Ruby Forum_WorldRubyGALADINNER3-min

Durante la cena di gala di chiusura del World Ruby Forum, i principali gioiellieri del GIT e della Thailandia, hanno fatto sfilare le loro creazioni più preziose protagoniste del Concorso “World’s Most Beautiful Ruby”. Un’asta di beneficenza ha messo in palio alcuni gioielli, per destinare i proventi della vendita all’associazione SafeguardKids.com.

World Ruby Forum_WorldRubyGALADINNER1-min

“Ospitando questo importante evento, il potenziale della Thailandia nell’arena globale diventerà ancora più distintivo”, ha dichiarato il Ministro del Commercio. “La Thailandia è ampiamente riconosciuta per le pietre preziose colorate – ha dichiarato Duangkamol Jiambutr, Direttore del GIT -. Oggi i migliori esperti mondiali dell’industria, a monte e a valle della fiilera, hanno condiviso intuizioni su argomenti diversi tra cui materie prime, miniere chiave, marketing, marchi e standard mondiali per il laboratorio e la certificazione di gemme”.

Tra i temi trattati, un quadro per la responsabilità sociale delle imprese nel settore delle pietre preziose colorate, come suggerito da Gaetano Cavalieri, presidente della Cibjo: proprio a Bangkok si sta svolgendo in questi giorni il Congresso mondiale della Confederazione mondiale di gioielli, co-ospitato dal Forum. L’apertura del Summit della Cibjo è stata presieduta dal Primo Ministro della Thailandia: “È un onore per la Thailandia ospitare questo Congresso –   ha dichiarato il generale Prayut Chan-o-chache apporta vantaggi all’industria nazionale e internazionale del gioiello, offrendo ai membri l’opportunità di condividere informazioni e esperienze che possono essere utilizzate per sviluppare in modo efficiente l’industria, fattore chiave per lo sviluppo economico della nazione”.

World Ruby Forum_CIBJO1-min

“Quest’anno la Thailandia ha ricevuto anche l’onore di ospitare la riunione annuale della CIBJO al Shangri-La Hotel Bangkok – ha detto il ministro del commercio Tantraporn – che è un importante incontro di professionisti nel settore della gioielleria di tutto il mondo, in cui oltre 300 imprenditori del settore provenienti da 42 Paesi stanno partecipando alle riunioni”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *