di


White Milano, quattro location per 562 marchi

 

Torna l’evento con le sue 4 location e 562 espositori: la moda contemporanea è di scena al Tortona Fashion District dal 21 al 24 settembre

Quattro location, una superficie allestita di circa 22.000 mq, 562 marchi (375 brand italiani, 187 esteri): sono alcuni dei numeri che condiscono l’edizione ormai alle porte di White Milano, in calendario nel Tortona Fashion District dal 21 al 24 settembre, in sinergia con la città di Milano e Camera Nazionale della Moda, per rendere la fashion week milanese sempre più internazionale.

La moda contemporary si dà perciò appuntamento in quattro macro-aree: Tortona 27 | Superstudio Più, Tortona 35 | Hotel NHow, Tortona 54|Ex Ansaldo e Tortona 31 | Opificio, spazio composto da più location autonome, usate durante la fashion week per la prima volta da WHITE per creare un percorso unico nel suo genere che ospiterà pop up store, temporary show-room, aree speciali e di ricerca internazionali.

Il trade show, patrocinato dal Comune di Milano, ospiterà 562 marchi di cui 243 new entry esposti nelle 4 location. “Anno dopo anno WHITE continua a evolvere nei numeri: ad oggi gli espositori sono 562 , tra nazionali e internazionali, una crescita che si consolida sempre di più tra gli operatori del settore e sui media che considerano WHITE come la migliore occasione per valorizzare la creatività di tante aziende e giovani stilisti – ha spiegato l’Assessore alla Moda e Design del Comune di Milano, Cristina Tajani, durante la presentazione dell’evento -. Talenti che, proprio qui, possono sperimentare le proprie idee e i nuovi linguaggi per tramutarli in opportunità di mercato e di stile. Un percorso di promozione messo in moto grazie anche alla collaborazione con il Comune di Milano”.

White settembre 2018_conferenza-min
La presentazione della prossima edizione di White

Una settimana della moda che si preannuncia distribuita su tutto il territorio cittadino. “Quest’anno – conclude Tajani – grazie alla seconda edizione di “Milano XL” e alle sue sei installazioni, proseguiamo nel racconto diffuso del Made in Italy, con l’unico obiettivo di promuovere in modo concreto e creativo l’immagine dell’Italia e del suo sistema moda: dalla moda alla cosmesi, dall’occhialeria al gioiello, passando dal tessile alla calzatura sino al mondo degli accessori”.

Special Guest del salone sarà Fiorucci: una storia tutta italiana, iniziata a Milano nel 1967 con l’inimitabile Elio Fiorucci definito il “paladino della moda democratica”. Nel 2015 il brand è stato acquisito da Janie e Stephen Schaffer, che lo hanno rilevato puntando sui suoi valori come ironia, heritage italiano, contaminazioni con l’arte e la musica, attraverso una strategia multicanale, iniziata con l’apertura del pluripremiato Flagship store nel cuore di Londra Soho. Per la prima volta dal rilancio, Fiorucci torna protagonista a Milano con una suggestiva area speciale all’interno di WHITE, in Tortona 27 Superstudio Più con la nuova collezione P/E 2019. Sarà inoltre aperto un Fiorucci Pop Up Store (aperto al pubblico) nella location di WHITE Tortona 31 | Archiproducts, dove si potrà acquistare la collezione A/I 2018.

“Già da un paio di stagioni Milano e WHITE crescono in modo importante – commenta Massimiliano Bizzi, founder di WHITEgrazie alle iniziative e attività organizzate a livello di sistema, come ad esempio il progetto Milano XL e la sinergia tra le fiere in date ravvicinate. È un importante cammino quello intrapreso da WHITE che continua a produrre risultati importanti per le aziende moda e per un settore trainante per l’economia italiana”.

Nella location di Tortona 35 torna la sezione WHITE BIJOUX: l’area dedicata al gioiello e agli accessori preziosi: una selezione in sinergia con Birik Butik, piattaforma online di scouting per il bijoux di ricerca, che propone un’ampia offerta di brand e jewelry designer internazionali e indipendenti. Tra i nomi presenti con la loro produzione pregiata: Aka Jewellery, con i suoi gioielli dalla duplice natura, al contempo oggetti d’arte e accessori dall’estetica minimale, studiata per essere funzionale;Bjorg Jewellery, le creazioni che sono un elogio dell’imperfezione e dell’ispirazione naturale, con l’uso di pietre preziose grezze, incastonate su superfici metalliche; i gioielli di Fabio Cammarata che s’ispirano alla levità dei tessuti e all’architettura dei volumi; le creazioni preziose che sono esclusive opere d’arte da indossare firmate Lora Nikolova; i bijoux di Nadine S, realizzati secondo il tradizionale know-how vicentino e disegnati per trasmettere eleganza, ironia e sentimento; Noshi con i suoi gioielli contemporanei, che nascono dall’antica arte dell’origami; i pezzi unici che fondono la leggerezza del pizzo e la concretezza del metallo pregiato firmati Patricio Parada.

Fiorucci a White

Si rinnova il format WHITE Showroom Connection: alcuni marchi come Fiorucci, Fila, Liviana Conti e TPN e TPN X Lotto saranno protagonisti di un innovativo concept espositivo. Special Project di WHITE è il brand belga A.F. VANDEVORST che è presente al Tortona 27 | Superstudio Più, all’interno di un’area speciale con la nuova collezione, mentre al Tortona 31|Archiproducts il duo di Anversa realizza una speciale installazione e pop up store (aperto al pubblico) per celebrare l’anniversario del brand che compie 20 anni. Inoltre il brand – grazie al supporto di WHITE – sfila in calendario di CNMI sabato 22 settembre alle ore 17.00.

Nel segno della ricerca internazionale è il focus sulle avanguardie della moda belga con lo Special Project “The Belgian Focus”. In sinergia con Flanders DC – Flanders District of Creativity – la piattaforma belga di supporto e promozione delle giovani imprese creative, WHITE ospita una selezione accurata di sette brand provenienti dal Belgio, dall’abbigliamento alla calzatura, dalla pelletteria alla lingerie, fino al gioiello. E infine, sempre al Tortona 31, si valorizza il saper fare italiano con l’area Interspazio che ospita Sharra Pagano, simbolo dell’italian style e storico brand di gioielleria, fondato a Milano nel 1969 da Lino Raggi. E ancora l’artigianalità nell’area Showroom 31 dedicata al Made in Italy, con aziende come le scarpe da sera e gli accessori di Daniele Amato, le sneaker lavorate a mano di Fabiano Ricci, fino alle camicie gioiello di Pourquoi me by Elena Montagano.

La nostra strategia di sviluppo continua su più fronti – commenta Brenda Bellei, Ceo di M.SEVENTY– grazie ai continui investimenti, come è stato a giugno, e con l’ampliamento degli spazi nel Tortona District, ma soprattutto con l’implementazione nella prossima edizione di gennaio 2019. Svilupperemo interessanti collaborazioni internazionali con partner di primo piano e rinnoveremo anche per il 2019 la partnership con ICE – Agenzia, Confartigianato Imprese e Conf. Export, per sviluppare opportunità di business per le aziende italiane, promuovendo l’incoming di prestigiosi buyer internazionali e, soprattutto, agevolando la presenza delle aziende che promuoviamo sui mercati esteri”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *