di


White Milano chiude con buyer in crescita del 10%

Oltre 22.000 presenze: l’incremento riguarda sia i compratori italiani sia quelli esteri: grande successo per le cinque nuove sezioni

white-milano_dati-chiusura

In crescita la rassegna milanese White, contenitore della moda contemporary inserito nella Settimana della Moda: con i suoi spazi consolidati e cinque nuove sezioni la manifestazione ha registrato un incremento di buyer del 10% rispetto a settembre 2015, con le sue 22.176 presenze, e con numeri in crescita sia tra i visitatori italiani sia tra quelli stranieri. Importante incremento del segmento estero con + 16% in gran parte da Giappone, Cina e dal Nord Europa, mentre cresce anche la presenza di compratori dagli Stati Uniti. I buyer italiani con le migliori boutique multibrand trovano a WHITE un brand mix ideale da affiancare alle grandi maison.

Moda, accessori ma anche gioielli su una superficie di oltre 20.000 mq (+ 12% rispetto all’edizione autunnale dello scorso anno) articolati nelle tre location (Tortona 27 Superstudio più, Tortona 54 Ex Ansaldo, Tortona 35 Hotel Nhow) che hanno ospitato oltre 500 espositori di cui 346 aziende italiane e 164 estere con una crescita del 32% di brand stranieri. Tra questi sono 200 le new entry che confermano il continuo scouting del salone per offrire ai buyer proposte sempre aggiornate sui nuovi trend.

“Una bellissima edizione della fashion week di Milano fortemente caratterizzata da un’energia positiva che conferma il lavoro importante fatto dalle istituzioni – dichiara Massimiliano Bizzi, fondatore della rassegna -. WHITE dimostra attraverso i numeri delle presenze, ma anche del grande lavoro di rinnovamento costante, di essere oggi il salone di riferimento per il womenswear. Consapevoli di questo, siamo già al lavoro per la prossima edizione”.

Forte attenzione dei buyer e addetti ai lavori per la nuova area WHITEAST introducing CHINA, il padiglione dedicato al contemporary cinese. Tra i brand Jinnnn – special guest del salone – è stato protagonista di una performance-evento nell’area garden di Via Tortona 27, che ha inaugurato la sezione di moda cinese con una preview venerdì 23 settembre. Partner del progetto è LUISAVIAROMA, che ha selezionato per il proprio catalogo online 4 brand emergenti tra i 10 presenti nella sezione dedicata ai giovani talenti cinesi. La collaborazione tra WHITE e LUISAVIAROMA continuerà in Ottobre durante la Shanghai Fashion Week.

white-milano_dati-chiusura_area-whiteast

 

Sempre nel segno dell’internazionalità le aree speciali con designer dalla Georgia e dal Belgio, dal Portogallo e dall’Argentina che hanno scelto WHITE per presentare le loro novità. Grande attenzione per il progetto BREAK TIME che ha portato a Milano quattro designer dall’Estonia, Georgia, Belgio e Kazakistan. Per supportare i designer più promettenti è stato inoltre assegnato il premio INSIDE WHITE a Giorgia Fiore, brand nato nel 2014 dall’omonima designer, nota per aver partecipato al famoso talent sulla moda Project Runway Italia e alla scorsa edizione di It’s Time to South.

Per valorizzare le nuove generazioni della moda e le nuove frontiere dell’artigianalità la seconda edizione del progetto IT’S TIME TO SOUTH realizzato in collaborazione con ICE Agenzia – che ha ospitato dodici designer emergenti dalle regioni del Sud Italia (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e WHITE STUDIO – It’s Time to Contemporary Artisan, che rappresenta il primo progetto di MIAC – Moda Italiana Aziende Contemporary una branch nata dall’accordo tra Confartigianato Moda e WHITE.

Grazie a una stretta collaborazione con ICE, WHITE esporterà all’estero il Made in Italy con quattro eventi dedicati durante le fashion week di Shanghai (15 ottobre), Seoul (20 ottobre), Dubai (23 ottobre) per approdare il 17 novembre a Berlino con un’ultima presentazione nella prestigiosa cornice dell’Ambasciata Italiana. Il road show “IT’S TIME TO WHITE” porterà all’estero un assaggio del brand mix del salone per promuovere le aziende italiane del panorama contemporary nel mondo tramite fashion event speciali pensati per attrarre stampa e buyer dei mercati esteri. Un’occasione unica per far conoscere le storie di successo nate a WHITE con nomi come: Faliero Sarti, Matteo Thiela, Mario Costantino Triolo, Melampo, Lupe, Jejia, Giancarlo Petriglia, Giuliana Mancinelli Bonafaccia, Flaminia Barosini, Vaerso, Manfredi Manara, Labo. Art e Simone Vera Bath.

white-milano_dati-chiusura_area-beuaty


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

G Robert – secondo banner orizzontale