di


White Milano, a gennaio si riparte da innovazione e internazionalità

Collezioni uomo e anteprima donna dall’11 al 13 gennaio: 150 gli espositori esteri e sette aree tematiche. Dialogo sempre più serrato con i consumatori

Torna a gennaio White Milano, il salone all’insegna della ricerca e della specializzazione che ha intrapreso una strada nuova, improntata all’internazionalità e all’innovazione. Apre i battenti dall’11 al 13 gennaio con 150 espositori internazionali l’edizione dedicata alle collezioni uomo e alle pre-collezioni donna per l’autunno-imverno 2014/15. Contenuti inediti sviluppati su sette aree tematiche, frutto di una intensa attività di scouting in corso da più di un anno che ha incontrato l’approvazione dei buyer internazionali.

Lo streetwear sarà di casa grazie alla collaborazione con Jacopo Pozzati e Marco Evangelisti, titolari degli store di nuova generazione Bottega Backdoor e La Ferramenta. Il progetto catalizzerà linguaggi differenti, mixando accenti scandinavi e passione per il made-in-Italy. Nella Wok Room, l’inconfondibile selezione del concept store milanese Wok Store: quindici marchi tra i più innovativi e ricercati nel panorama fashion internazionale. Conferma la sua presenza nella sezione curata da Federica Zambon e Simona Citarella anche Julian Zigerli, giovane designer svizzero attivo tra Zurigo e Berlino, che dà vita a creative collezioni stampate. Il giovane designer è stato scelto dallo stilista Giorgio Armani per sfilare all’Armani Teatro in occasione della settimana della moda milanese.

Premiato all‘Inside WHITE Award di settembre, farà il suo ritorno alla Wok Room Lucio Vanotti, con un total look che esplora le proporzioni della moda maschile in una collezione che indaga nuove lunghezze, dimensioni e silhouettes. Torna anche White Beauty, l’area dedicata alla profumeria artistica e alla cosmesi.

Non può mancare lo spazio per la comunicazione con la special area WOW White On Web, curata dal team di White, un set fotografico ad alto tasso di creatività. Per la prima volta tutti gli espositori sono chiamati ad individuare tra le loro collezioni il must have della stagione e still life di prodotto e total look verranno realizzati da esperti di moda e veicolati su tutte le piattaforme social network.

Riflettori puntati anche sull’eyewear con DaTE, la rassegna delle collezioni di ottica internazionali promossa da White e inaugurata lo scorso ottobre negli spazi di ProgettoCalabianaMilano. La sezione, curata in collaborazione con Dante Caretti, CEO di Caretti Consulting, vede la partecipazione di marchi sperimentali e di ricerca come LaLoop, Hoet, Francis Klein accanto a realtà già affermate come Spektre Sunglasses, Hoffmann e Patty Paillettes.

Il Basement – in via Tortona 27 – tiene fede al suo carattere avantgarde, spaziando dal total look italiano di Comeforbreakfast, Masnada e Overcome a quello coreano di A.Av e Byungmun Seo, insieme ad accessori provenienti dall’Estremo Oriente come le borse Oops e alle calzature di Diego Vanassibara e Dimissianos & Miller, nome dell’artigianato greco che, proprio a White, presenterà la sua prima collezione invernale. Saranno presenti anche i designer di A.I. showroom, rassegna nata in seno ad AltaRoma che da tre edizioni porta a WHITE le eccellenze dell’artigianato made in Italy. Cinque brand speciali tra cui Silvia Massacesi la giovane creativa che esporrà borse eco sostenibili in sughero dal design ricercato, realizzate insieme alle detenute del carcere di Rebibbia.

Nell’area Japanproxy, sostenuta dal governo giapponese, 18 marchi del design nipponico, dalle collezioni di abbigliamento Is-Ness e Danke Design alle calzature Losers, passando per le linee di accessori Bag’N’Noun, Baggy Port, 6Shiki, Macromauro. Un vero e proprio salto nel design e nella cultura del Sol Levante, che porterà a White anche proposte di design. Sabato 11 farà visita al Salone il vice-ministro dell’economia nipponica Midori Matsushima, a Milano anche per inaugurare il nuovo showroom giapponese JP HOME che ospita alcuni brand di ricerca presenti a WHITE.

“Ancora una volta White, per contenuti e proposte, si conferma uno degli eventi più innovativi della settimana della Moda – ha commentato l’assessore alla Moda e Design Cristina Tajani. – Un appuntamento imperdibile per chiunque voglia confrontarsi con le tendenze dello streetwear provenienti da tutto il mondo. Lo spazio dedicato alla tendenze provenienti dal Giappone – conclude Tajani – ha un profondo significato strategico volto a implementare un dialogo costruttivo tra due importanti realtà del mondo del design e della creatività Milano e Tokyo. Realtà che trovano una commistione nel segno dell’innovazione e della ricerca di stili, forme e linguaggi espressivi”.

“White continua il processo di cambiamento iniziato un anno fa – ha dichiarato il nuovo direttore commerciale Francesca Cella -, volto ad avvicinarsi al linguaggio del consumatore finale, che oggi ha una potente arma di comunicazione per esprimere le sue preferenze : i social.
Le immagini “parlano”, danno emozioni e White si fa interprete di questo, trovando la sua identità e naturale somiglianza in store giovani ma che sanno parlare dritto la cuore del consumatore, quali Wok e Backdoor – La Ferramenta”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *