di


Wgc, gioielli in oro: nel 2014 lieve flessione della domanda

Il Gold Demand Trends del World Gold Council evidenzia un -4% nella domanda globale del metallo giallo: secondo gli analisti è un calo fisiologico

Fine gold bars

Il 2014 si chiude a -4% per la domanda globale di oro: la diminuzione dalle 4087 tonnellate del 2013 alle 3923 del 2014 (malgrado il +6% dell’ultimo trimestre) è evidenziato dal periodico rapporto di World Gold Council. Un calo fisiologico, secondo gli analisti che hanno redatto il Gold Demand Trends, vista l’eccezionale domanda dell’anno precedente.

Altalenanti i risultati nel settore gioielleria: quello appena concluso è stato un anno difficile per la domanda di gioielli (-10%), proprio a causa del confronto con il boom del 2013. Forte il calo soprattutto nel secondo trimestre dell’anno: nei mesi successivi, comunque, grande recupero, soprattutto grazie al risultato del quarto trimestre, il migliore dal 2007. Il dato complessivo si ferma alle 2153 tonnellate, comunque ben al di sopra della media quinquennale (2053 tonnellate).

Domanda gioielli

I mercati del Medio Oriente hanno perso l’8% rispetto al 2013: alla flessione hanno contribuito la preferenza per i 18 carati e la scelta di pezzi più leggeri. L’ultima parte dell’anno mostra però un aumento del 3% della domanda. In controtendenza gli Usa, a +9%, la domanda annua più alta dal 2009. 

In Europa, intanto, il prezzo del metallo è aumentato del 14% nel corso dell’anno, anche a causa dell’indebolimento dell’euro nei confronti del dollaro: il costo dell’oro ha probabilmente contribuito a sostenere la domanda di lingotti e monete in tutto il Vecchio Continente. Forte l’aumento soprattutto sui mercati locali, come in Russia: la congiuntura politica ha portato a una svalutazione del rublo, provocando picchi nel prezzo dell’oro con grande impatto sulla domanda di gioielli in oro.

Rilevante è anche la crescita esponenziale dell’assorbimento di oro da parte delle Banche centrali: 477.2 tonnellate di metallo sono state acquisite nel 2014, il +17% del 2013. Si tratta della seconda cifra più alta in acquisti netti delle banche centrali da 50 anni, dopo quella segnalata nel 2012.

oro domanda

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *