di


ViOff 2020: A new golden way

Il Fuorifiera di Vicenza, in occasione di Voice il nuovo evento di IEG, con un calendario ricco di appuntamenti, vuole essere soprattutto un inno alla vita per una nuova partenza.


Arte, enogastronomia, spettacoli e bellezza
. Da quella dei gioielli alle miss, dalla voce di Elisa e dei cantanti di “Viva Verdi” ai piatti dei menu e aperitivi e preparati dai ristoratori vicentini e dai cuochi di Coldiretti. Passando per teatro, benessere, bodypainting e gli incontri del Festival Città Impresa.

Ma soprattutto questa edizione di ViOff è uno inno alla voglia di ripartire dopo il Covid su “A new golden way”, un nuovo cammino dorato, come recita il titolo.


Perché Vicenza sarà, per la seconda volta nel 2020 la prima fiera orafa dell’anno
, in un contesto in cui tutte le più importanti manifestazioni mondiali del settore hanno ceduto le armi e rinviato i propri appuntamenti. E questa è una grande soddisfazione in primis per Italian Exhibition Group, ma anche per la città.

A presentare il fuorifiera settembrino c’erano ieri i rappresentanti delle tante realtà che hanno collaborato all’iniziativa: Marco Carniello, direttore della divisione Jewellery&Fashion di Ieg; Silvio Giovine, assessore alle Attività produttive e turismo; Andrea Fabbian, portavoce del Tavolo intercategoriale orafo di Vicenza; Martino Cerantola, presidente provinciale di Coldiretti; Felicia Gregorescu, direttore artistico dell’evento; Alessandra Alessandro (Party del Benessere), Jennifer Grande (ViWine Gold).

Infinito (2007), Aldo Cibic, fede nuziale in platino – Uno dei gioielli in mostra al Museo del Gioiello

ARTE.

La grande protagonista di questo fine settimana sarà senz’altro l’arte. Venerdì, infatti, apre al Museo del Gioiello la mostra “Designed in Vicenza, curata da Alba Cappellieri e Livia Tenuta: con lavori dei designer vicentini Matteo Cibic, Atelier Crestani, Brogliato e Traverso, Aldo Cibic, IV Design, Cleto Munari, Reggiani Ceramica e Joe Velluto, che sarà visitabile venerdì 15-22, sabato e domenica 14-22 e lunedì 10-18.

Alla Galleria Pashà una mostra curata da Gianna Sartori e Maria Chiara Tonello celebrerà invece con un percorso fotografico i 90 anni del designer Cleto Munari, visitabile fino al 25 settembre.

Fotografia protagonista anche nella Loggia del Capitaniato, con  Woodfire&Pottery, mostra promossa da Cna Veneto Ovest e realizzata per l’ultima edizione del Make in Italy Festival, visitabile venerdì 16-19, sabato e domenica 10-13 e 15-19.

E restando nell’arte orafa, domenica alle 18.15 sarà invece in diretta live la sfilata spettacolo #DreamlandsPesavento, con la nuova collezione dell’azienda vicentina.

ENOGASTRONOMIA.

Ad aprire la carrellata di eventi, venerdì sera, sarà “L’oro della nostra terra”, la cena organizzata alle 19.30 ai chiostri di San Lorenzo da Coldiretti e Campagna Amica, il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza. Il costo è di 70 euro a persona ed è necessaria la prenotazione allo 0444.189613. La serata sarà anche l’occasione per mettere all’asta i lavori degli artisti Riccardo Guasco e Marina Marcolin, autori della locandina di ViOff, che esporranno alcune proprie opere ai chiostri.

Sabato alle 11 al mercato coperto di Campagna amica ci sarà invece un aperitivo a tema.

Ma menu e cocktail studiati ad hoc saranno anche proposti nei prossimi giorni da 15 locali e ristoratori vicentini del centro storico, nell’iniziativa organizzata da ViWine in collaborazione con Ascom Confcommercio.

SPETTACOLI.

Numerosissimi gli eventi musicali e teatrali. Venerdì alle 21 in piazza dei Signori serata Pink Floyd con i Wit Matrix, mentre sabato dalle 12 alle 20 in piazza Castello performance di body painting con Marzia Bedeschi e alle 17 nell’atrio di Palazzo Trissino Theama Teatro e l’associazione Pigafetta faranno rivivere la scoperta dello Stretto di Magellano.

Sabato sera alle 20.30 in piazza dei Signori si terrà la finale di Miss Provincia di Vicenza, organizzata da TvA e GdV, mentre domenica alle 21 anteprima dello spettacolo “Eleven” sull’11 settembre 2001 e dalle 21.30 Bruno Conte canterà Dalla e Battisti.

Infine lunedì sera spazio alla lirica con “Viva Verdi” organizzato da TvA e GdV.

ALTRI EVENTI.

Nelle giornate di ViOff il Festival Città Impresa dedicherà dibattiti al settore orafo.

Sabato dalle 9.30 alle 20 in piazza San Lorenzo il Party del Benessere proporrà prodotti, conferenze, esibizioni e pratiche a tema., mentre dalle 19 alle 20 il Salottino Luxury Salon di contrà Muscheria si tufferà negli anni Cinquanta. A Villa Riello, infine, sabato serata per le famiglie.

COMMENTI.

Marco Carniello

Tradiscono l’emozione gli organizzatori, a partire da Marco Carniello. «Come Ieg non ci siamo fatti prendere e fermare dal momento difficile e incerto, ma abbiamo risposto alle richieste delle aziende, confermando il nostro ruolo di leader. Abbiamo agito come imprenditori e organizzato Voice per dire che l’Italia e le sue aziende ci sono e per questo è quasi con commozione che oggi lanciamo ViOff».

Sulla stessa linea Giovine: «Due anni fa era una scommessa, ora siamo arrivati a questa edizione, che presento con emozione ed entusiasmo: un fuorisalone che tocca tematiche importanti, come arte, made in Italy e beneficenza».

«Questa edizione – conferma Fabbianla possiamo considerare l’apertura dell’anno fieristico, che parte ancora una volta da Vicenza. Non sarà probabilmente una fiera d’affari, ma mostrerà al mondo che Vicenza c’è».

E guarda avanti anche la locandina, realizzata nella Stamperia Busato, come spiega Gregorescu: «Un albero d’oro realizzato in oro e un bambino alla fine di un porticato a simboleggiare Vicenza e il futuro»

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *