di


Vicenzaoro Spring: Al via domani, ma già la vigilia è ricca di eventi

Stasera la premiazione del contest Next Jeneration e la vernice della mostra sul gioiello sostenibile di Riccardo Dalisi

Affermare che Vicenzaoro Spring inizia domani è riduttivo anche se è formalmente vero: la città veneta infatti è già da giorni calata pienamente nella manifestazione, non solo per la presenza di rappresentanti internazionali impegnati, dal 13, nel World Jewellery Forum (format ideato da Fiera di Vicenza che per la prima volta mette insieme il World Diamond Council, l’ottavo Meeting annuale dei produttori mondiali di diamanti e il Cibjo Congress 2012), ma anche perché la vigilia della rassegna primaverile di Fiera di Vicenza è condita, oggi, da due importanti eventi.

Alle 18 di oggi, a Palazzo Bonin Longare, ci saranno infatti le premiazioni di Next Jeneration – Jewellery Talent Contest 2012, il concorso internazionale di idee per giovani talenti under 30, organizzato dalla Spa guidata da Roberto Ditri in collaborazione con Confartigianato e Cna Vicenza. Il tema è “Souvenir d’Italie ” e ha visto i giovani designer impegnati nella realizzazione di gioielli capaci di evocare le eccellenze del territorio italiano reinterpretandole e valorizzandole secondo un’estetica contemporanea. La selezione e la valutazione dei progetti ha tenuto conto della loro originalità, del grado di innovazione, della vestibilità, della rispondenza al tema del Concorso e della eventuale riproducibilità industriale del progetto. A giudicare i lavori è stata creata una giuria internazionale composta da Gijs Bakker, Presidente – Designer e Fondatore di Droog Design e “Chi ha paura…?”, Luisa Bocchietto, Presidente ADI – Associazione per il Disegno Industriale, Alba Cappellieri, Professore Design del Gioiello – Politecnico di Milano, Matteo Ragni, Designer e Augusto Ungarelli, Presidente Club degli Orafi. Confartigianato e CNA hanno proposto a Fiera di Vicenza di selezionare le imprese vicentine per la realizzazione in gioielli delle più interessanti idee progettuali sul tema: i gioielli realizzati saranno protagonisti di una mostra dedicata a Palazzo Bonin Longare durante Vicenzaoro Fall a settembre 2012.

Sarà la creatività la protagonista di questa giornata: prima con la premiazione dei tre migliori progetti provenienti provenienti dai 200 giovani talenti di 20 Istituti internazionali di Design, e subito dopo, alle ore 19, con la vernice della mostra a cura di Alba Cappellieri, al piano terra di Palazzo Bonin Longare. “Il gioiello sostenibile di Riccardo Dalisi”, le cui creazioni ripropongono il tema dell’estetica del gioiello insieme a quello della sua sostenibilità. Vicenzaoro Spring rende così omaggio ai gioielli di Riccardo Dalisi, il poeta-designer che per primo ha sollevato nel gioiello la necessità di una maggiore responsabilità verso le risorse dell’ambiente e la valorizzazione del capitale territoriale: la mostra, che resterà aperta fino al 18 giugno, presenta per la prima volta l’opera omnia dei gioielli di Dalisi. Un percorso di cento gioielli autoprodotti dal 1990 e realizzati a mano nel suo laboratorio, spesso con l’aiuto di bambini e giovani disoccupati cui ha insegnato un mestiere.

Domani al via invece la manifestazione dedicata agli operatori: circa 1400 aziende espositrici provenienti dai principali distretti orafi italiani e da oltre 30 paesi esteri. Vicenzaoro Spring presenta le ultime tendenze di oro e gioielli, dedicate al retailing italiano ed internazionale, luogo di incontro tra produttori e buyers internazionali provenienti da oltre 70 paesi esteri.
“Siamo la prima e unica società fieristica internazionale – ha affermato Roberto Ditri, presidente di Fiera di Vicenza, durante la conferenza stampa di presentazione degli eventi alla quale hanno partecipato anche Eli Izhakoff, presidente del World Diamond Council, e Gaetano Cavalieri, presidente di Cibjoad essere partner di Unitar (Istituto dell’Onu per la formazione e la ricerca) e Cibjo per la realizzazione di una campagna di informazione e sensibilizzazione sui temi della Corporate Social Responsability rivolta al settore della gioielleria”. Il tema di questa edizione è “Local is Global”. La gioielleria Made in Italy è chiamata a portare i suoi contenuti e i suoi prodotti nel mondo valorizzando l’unicità del proprio Dna e facendolo diventare il vero elemento distintivo per competere.

Domani alle 12, durante l’opening inaugurale, la premiazione dell’altro concorso di questa rassegna primaverile, “Andrea Palladio International Jewellery Awards 2012”, un vero e proprio “Oscar del Gioiello”. In programma per il primo giorno di fiera anche il Tourmaline Day, organizzato dalla Cibjo, la Confederazione internazionale della gioielleria che presenta il suo terzo appuntamento con le gemme dedicato quest’anno ad una pietra da poco riemersa tra i must delle donne (i primi due sono stati dedicati allo smeraldo e al diamante). A condurre il pomeriggio, la gemmologa Margherita Superchi.

Torna anche l’Area Trend che esce dal progetto Trend Vision Jewellery + Forecasting, il primo centro indipendente di forecasting mondiale specializzato nella decodificazione delle attitudini dei consumatori, con focus sulle tendenze dello stile. L’area troverà spazio in una struttura esterna all’ingresso principale di Fiera di Vicenza e ospiterà la maggior parte dei seminari tecnici e degli eventi dedicati agli operatori. Fino a mercoledì 23 sarà un vero tripudio tra proposte in vetrina, approfondimenti di settore e, naturalmente, affari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *