di


Vicenza, dopo i furti di gennaio un summit sulla sicurezza in Questura

Hanno partecipato il presidente della Fiera Ditri e il presidente orafi di Assindustria Corrado. A Vicenzaoro Winter rubata una collana da 200mila euro

Un summit sulla sicurezza si è svolto ieri a Vicenza in seguito agli ultimi episodi criminali, tra i quali il furto di una collana del valore di 200mila euro dai padiglioni di Vicenzaoro. In questura hanno fatto il punto della situazione Roberto Ditri, presidente di Fiera di Vicenza Spa, il presidente orafi di Assindustria Giuseppe Corrado e quello degli albergatori di Confcommercio Oscar Zago, oltre all’assessore comunale alla sicurezza Antonio dalla Pozza con il comandante della polizia locale Cristiano Rosini.

“Creiamo sinergia – ha spiegato il questore Angelo Sanna -. Intanto sensibilizziamo gli operatori del settore perché siano più attenti nella loro attività. Anche se è comprensibile che vogliano concludere gli affari. Aumenteremo la sorveglianza collegando le videocamere all’esterno della Fiera con le centrali operative della polizia locale e di Stato. Oltre alla mappatura esatta degli stand, ai sistemi di sicurezza, al personale”.

Il ricordo del furto è ancora vivo: durante l’ultima edizione di Vicenzaoro Winter, lo scorso gennaio, un ladro, nascosto in un vano condizionatori, è riuscito ad asportare dallo stand di una ditta di Valenza al padiglione C  una collana da quasi 200 mila euro in oro e brillanti. Protabilmente aiutato da due complici, il criminale ha praticato un foro sulla vetrina, forse con un seghetto, foro che ha successivamente ricoperto rendendo difficile l’immediata scoperta del furto. Una delle ipotesi, infatti, è che abbia agito a ridosso dell’apertura della fiera.

“Dobbiamo anticipare la criminalità che ne pensa sempre di nuove – ha commentato durante il summit di ieri Ditri, che ha ricordato che è al vaglio anche il sistema di sicurezza interno per nuovi potenziamenti -. Lavoriamo assieme, anche per non rovinare la nostra immagine internazionale. E anche se spendiamo già più di 500mila euro l’anno come Fiera per la sicurezza”. Dal canto suo, Giuseppe Corrado ha garantito un’ulteriore sensibilizzazione degli operatori in merito all’attenzione da prestare alla questione.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *