di


Veneto Exhibition, il polo fieristico cresce con Veneto Sviluppo

È appena nata ma è già in piena attività “Veneto Exhibitions”, già Optimist srl: la compagine della società che sta dando vita al polo fieristico veneto attraverso l’organizzazione, per ora, di quattro manifestazioni (Luxury&Yachst a Verona, Nautic Show a Jesolo, il Salone dei Beni e delle Attività Culturali e Restaura, Salone del Restauro dei Beni Culturali a Venezia) è ora accresciuta dalla partecipazione di Veneto Sviluppo Spa, la società finanziaria partecipata al 51% dalla Regione del Veneto e al 49% da undici gruppi bancari nazionali e regionali.

Durante la riunione dei soci, alla presenza di Roberto Ditri, Presidente di Fiera di Vicenza, Claudio Valente, Vice Presidente Vicario dell’Ente Autonomo per le Fiere di Verona e Roberto Bissoli, consigliere di Veneto Sviluppo SpA, si è proceduto alla nomina dei nuovi consiglieri di amministrazione che si riuniranno a breve per nominare il presidente. Attualmente il Cda di “Veneto Exhibitions srl“ risulta così composto: Giovanni Lasagna e Marco Salgarelli su nomina di Fiera di Vicenza; Raffaele Bonizzato e Andrea Miglioranzi su nomina dell’Ente Autonomo per le Fiere di Verona; Antonino Ziglio su nomina di Veneto Sviluppo SpA.

“Con Veneto Exhibitions diamo attuazione concreta ad un’importantissima sinergia che ci porterà a crescere a livello mondiale – ha dichiarato Roberto Ditri Presidente di Fiera di Vicenza ha commentato la creazione della nuova società -. Nasce il primo polo fieristico del Nord Est. Ho spinto con forza per realizzare questo polo certo di dare un contributo importante al nostro territorio e alle sue eccellenze. Ovviamente questo è solamente il primo passo per ottenere un sistema fieristico veneto compatto, in grado di vincere le sfide che ci aspettano in un mercato sempre più globale”.

“E’ un primo passo per la integrazione del sistema fieristico Veneto e di un coordinamento tra organizzatori, tale da moltiplicare risorse e know how apportando così valore aggiunto per il sistema impresa – ha commentato Ettore Riello, presidente di Veronafiere -. Il 75% delle grandi aziende industriali e l’88,5% delle Pmi vede nelle fiere uno dei principali strumenti di promozione, nell’ambito delle quali si concludono affari per decine di miliardi di euro l’anno e viene generato il 10% dell’export nazionale. Fiere che rappresentano una piattaforma fondamentale per l’internazionalizzazione del Paese e delle regioni dove operano”.

“Un risultato molto positivo, perché mette a disposizione del sistema produttivo importanti risorse come le fiere venete, ne riconosce il ruolo e, proprio utilizzando il know how dello stesso sistema fieristico – ha sottolineato il presidente di Veneto Sviluppo Francesco Borga -, consentirà di sostenere ulteriormente le imprese nei loro processi di internazionalizzazione. Questa è la base su cui vogliamo confrontarci con altre realtà del territorio regionale che a diverso titolo si muovono nel settore fieristico”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *