di


Venerdì a Vicenzaoro debutta The Boutique Show

Esordio del nuovo format espositivo per  community espositive omogenee per valori di riferimento: l’appuntamento fieristico tra mostre e workshop

vicenzaoro january

È il primo format espositivo al mondo a proporre alla domanda internazionale community espositive omogenee per valori di riferimento: The Boutique Show debutta a VICENZAORO January, dal 23 al 28 gennaio, il Trade Show di Fiera di Vicenza del settore orafo-gioielliero, il progetto grazie a cui la Spa introduce un nuovo modello di sviluppo strategico nel panorama delle Manifestazioni fieristiche mondiali.

VICENZAORO The Boutique Show, nato da uno studio approfondito sui nuovi scenari della produzione e della distribuzione della gioielleria a livello globale, permetterà di soddisfare le esigenze e le istanze più dinamiche della domanda internazionale del settore. Il format prevede infatti un’innovativa riorganizzazione dell’esposizione merceologica: la creazione di comunità omogenee di aziende chiaramente riconoscibili per valori di riferimento, posizionamento, tipologia di produzione, sistemi di distribuzione e immagine complessiva. Un layout espositivo unico tra le fiere internazionali del settore, che favorirà una nuova modalità d’incontro tra buyer ed espositori, offrendo loro un’esperienza interattiva e multimediale originale.

“VICENZAORO The Boutique Show si colloca ad un livello del tutto unico e inedito nel panorama dei trade show mondiali dell’alto di gamma orafo-gioielliero – sottolinea Matteo Marzotto, presidente di Fiera di Vicenza -. Un protocollo altamente competitivo che, grazie al suo format esclusivo, ci permetterà di fronteggiare le sfide più attuali, dalla forte competizione mondiale, alla grande trasformazione dei sistemi produttivi e di vendita, al decisivo cambiamento in atto dei consumi. Un progetto totalmente made-in-Fiera-di-Vicenza, frutto della nostra forte propensione all’innovazione, dell’attitudine a metterci al servizio e in ascolto del settore, studiando le formule più efficaci per muovere il mercato, sia interno che internazionale. Grazie a questa vera e propria rivoluzione, Fiera di Vicenza si presenta come il nuovo benchmark della proposta di eventi contemporanei fortemente innovativi e dai contenuti di alta qualità, accreditandosi ancora una volta quale leader autorevole e riconosciuto nel sistema mondiale della gioielleria. Un know-how, il nostro, strettamente collegato alla creazione di nuovo valore”.

VICENZAORO The Boutique Show comprende sei “distretti” principali: Icon, Creation, Look, per quanto riguarda la gioielleria; Essence per le gemme e i componenti preziosi; Expression per il packaging e il visual merchandising; Evolution per la tecnologia applicata alla lavorazione dei metalli preziosi. Ad ogni distretto corrisponde un universo simbolico di valori: Icon Tradizione, Esclusività, Unicità, Innovazione, Riconoscibilità; Creation: Qualità, Personalizzazione, Private Label, Varietà, Creatività; Look: Fashion, Sperimentazione, Trendy, Ricercatezza, Contaminazione; Essence: Adattabilità, Varietà, Affidabilità, Tecnica; Expression: Emozione, Forme, Colori, Materiali, Originalità; Evolution: Performance, Innovazione, Personalizzazione, Flessibilità, Post- vendita.

L’itinerario della Mostra, con i distretti uniti attraverso i relativi “buying trail”, veri e propri direzioni di gusto e di stile, diverrà una fonte d’ispirazione per sviluppare nuove collezioni e scoprire i nuovi protagonisti del mercato internazionale. Un ruolo importante verrà ricoperto dai Trend Forum: aree specifiche caratterizzate da un’impostazione scenografica di forte impatto visivo che offriranno una rappresentazione plastica e realistica dei Trend, ispirando buyer e visitatori e guidandoli nei loro acquisti. Il tutto unito da una comunicazione di tipo web 2.0 che permetterà ad ogni visitatore di crearsi un programma di business focalizzato sui gusti e sulle esigenze del proprio mercato di riferimento.

Tra gli eventi in calendario, la mostra “Seduzione senza tempo – Corallo e Cammei tra memoria e modernità”. Dopo il debutto nel centro storico di Torre del Greco a dicembre, sarà Vicenzaoro January la prima tappa della mostra promossa da Assocoral e curata da Cristina Del Mare, che un racconto per immagini attraverso celebri dipinti e immagini fotografiche. Interpretazioni del corallo che esaltano il fascino delle creazioni torresi in esposizione.

Mostra corallo Vicenza

L’obiettivo è quello di “valorizzare in particolare le affascinanti connessioni tra arte, moda e gioiello, tra preziose manifatture orafe in corallo e cammei – spiega Tommaso Mazza – che hanno dato vanto e identità storica alla città di Torre del Greco. Grandi nomi della haute couture internazionale – da Valentino a Gattinoni, da Sarli a Marella Ferrera, da Mario Valentino ad Alexander McQueen solo per citarne alcuni – hanno saputo trarre ispirazione dal ricco patrimonio artistico collegato all’iconografia del corallo e del cammeo dandone interpretazioni sorprendenti”.

Il progetto è stato realizzato con il supporto di Fiera di Vicenza, con il sostegno del Comune di Torre del Greco e della Banca Popolare di Torre del Greco, e con il patrocinio dell’ICE e dell’Interfacoltà di Moda, Costume e Gemmologia dell’Università “La Sapienza” di Roma. Dopo Vicenzaoro January la mostra si sposterà a Hong Kong e poi a Las Vegas.

Come ogni anno tornano gli appuntamenti di approfondimento per gli operatori: uno dei workshop in calendario il 25 gennaio alle ore 11 è organizzato da Federpreziosi Confcommercio, Assocoral, Fiera di Vicenza in collaborazione con Assorologi.  “Crisi sotto la lente: ne parlano gli operatori orafi. Contanti, tracciabilità, fisco, banche, legalità: i risultati di un’inchiesta nel mondo dei preziosi”. Lo scopo è quello di rilevare ed analizzare come, tra le cause della crisi economica, la limitazione alla circolazione del contante e la tracciabilità dei pagamenti abbiano influito sulle forti variazioni nei consumi di gioielleria e orologeria registrati dall’intera filiera orafa, dalla produzione alla distribuzione al dettaglio passando per l’ingrosso.

La complessa elaborazione dell’indagine condotta da Format Research fornisce un’analisi congiunturale e tendenziale sull’andamento economico generale delle imprese, suddiviso per tipologia di prodotto e di clientela; il tutto attraverso dati e informazioni intesi a valutare le dimensioni della contrazione della domanda, le determinanti che ne sono all’origine e l’impatto sul settore in termini di riduzione dei ricavi per gli operatori, nonché il depauperamento dell’offerta e la conseguente perdita di valore per l’economia del Paese. I risultati dello studio saranno presentati da Pierluigi Ascani, presidente CdA Format Research; interverranno Matteo Marzotto, presidente Fiera di Vicenza; Giuseppe Aquilino, presidente Confcommercio Federpreziosi; Tommaso Mazza, presidente Assocoral; Mario Peserico, presidente Assorologi; Leonardo Impegno, membro 10a Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera dei deputati; Paola Pelino, vicepresidente 10a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) del Senato; Andrea R. Castaldo, ordinario di diritto penale Università degli Studi di Salerno. Conduce l’incontro Steven Tranquilli, direttore Confcommercio Federpreziosi; introduce Silvio Ciniglio, Ordine degli Avvocati di Napoli.

Tra gli altri seminari in programma, quello di domenica 25 con “La responsabilità sociale come nuova realtà: Best practice, strumenti e successo aziendale”, organizzato da Cibjo e Fiera di Vicenza, nell’ambito della collaborazione delle due realtà con l’Ecosoc, e quello di martedì 27 gennaio dedicato alla presentazione dei progetti del Comitato Etico delle Gemme di colore sorto in seno ad Assogemme.

Torna anche l’appuntamento con Trendvision Jewellery + Forecasting Product Directions 2015, il 24 gennaio, seminario rivolto al pubblico di VICENZAORO January a cura di Fiera di Vicenza, condotto da Paola De Luca. Vicenzaoro January sarà l’occasione per presentare il nuovo accordo tra Fiera di Vicenza e Women’s Jewelry Association Italy, oltre al nuovo Board dell’associazione. Sarà inoltre siglato il protocollo d’intesa per lo sviluppo di un’offerta formativa integrata per lo sviluppo e il rilancio del settore orafo e del vetro: la firma avrà luogo il 26 gennaio in un incontro a cura di Regione Veneto, Confartigianato Imprese Veneto, Confindustria Veneto, Camera di Commercio di Vicenza, CNA e Confapi Industria Veneto.

Altra novità è l’iniziativa “Veneto, un gioiello di terra. Luxury Jewels meet Food and Wine from Venetian Region”: promossa dagli Industriali berici, messa in campo per presentare agli operatori e ai buyer il meglio di ciò che può offrire il Veneto nel campo della gioielleria, dei prodotti alimentari e del vino, riprendendo, inoltre, i temi del prossimo “Expo Milano 2015 – Nutrire il pianeta, Energia per la Vita”. Per il settore orafo e argentiero i protagonisti dell’evento sono Better Silver spa (Bressanvido) Chrysos spa (Borso del Grappa), Fratelli Bovo srl (Trissino), Karizia spa (Cassola), Lucchetta Armando srl (Bassano del Grappa), Maria De Toni srl (Sandrigo), Misis srl (Vicenza), Muraro Lorenzo spa (Creazzo), Re Sole srl (Vicenza), Roberto Coin spa (Vicenza), Scanavin srl (Sandrigo), Vezzaro srl (Vicenza) e Zancan spa (Nanto). Dal 23 al 25 gennaio, dalle 16.30 alle 18.30, nelle splendide cornici definite dagli stand e dai prodotti orafi e argentieri, si potranno dunque assaporare i prodotti alimentari e degustare i vini abbinati oltre a conoscere le aziende e le realtà da cui provengono. Sabato 24 la conferenza stampa di presentazione del progetto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *