di


Vendorafa, a Las Vegas vince il made in Italy

Augusto Ungarelli:" Il Couture Award è motivo di grande orgoglio, è il risultato di un bel lavoro di squadra ottenuto grazie alla creatività e alle grandi capacità di manifattura delle donne e degli uomini della nostra azienda e fa onore a tutto il made in Italy"

Tradizione, design e artigianalità sono il marchio di fabbrica di Vendorafa, azienda pioniera del Made in Italy, nel Club degli Orafi fin dagli anni ‘80, che ha trionfato alla scorsa edizione dei Couture Award di Las Vegas, aggiudicandosi il primo premio in una della categorie più impegnative, l’Editor’s Choice, con l’Anaconda Mosaic Cuff.
Augusto Ungarelli, amministratore unico, racconta l’emozione di un riconoscimento ambito e prestigioso per l’azienda e per il Made in Italy tutto.

Augusto Ungarelli

Il Couture Award è motivo di grande orgoglio, è il risultato di un bel lavoro di squadra ottenuto grazie alla creatività e alle grandi capacità di manifattura delle donne e degli uomini della nostra azienda. A mia moglie Daniela, nostra direttrice creativa e di produzione, va un merito particolare perché ha ideato personalmente lo sviluppo del pezzo dal primo schizzo all’ultima rifinitura, combinando il design all’alta capacità manuale dei nostri artigiani, realizzando una sintesi del “bello e ben fatto in Italia”.

 

Com’è nato il concept della collezione Anaconda?
Il serpente è da sempre simbolo di femminilità e sensualità e ha avuto un ruolo centrale nel design di gioielli già dagli anni ‘70. Non potevamo esimerci dal provare ad usare questo tipo di pattern. Abbiamo sviluppato superfici lavorate a rettile sia lucide che martellate che acquistano ancora più forza con l’inserimento di intriganti e sottili linee di smalto nero che evidenziano e distinguono le squame, così come sottolineature in brillanti bianchi o neri che ne esaltano la preziosità. Riteniamo che questa collezione sia molto contemporanea e che la sensazione tattile che si prova nell’accarezzare ad occhi chiusi le piccole squame che scorrono una dopo l’altra dia una sensazione di continuità senza fine. Tutti i pezzi sono la rappresentazione della grande capacità manifatturiera della nostra Azienda, frutto di quello straordinario patrimonio del saper fare che è difficile da improvvisare”.

Quanto pesa il mercato americano per un prodotto come quello di Vendorafa e quali sono gli altri mercati a cui vi rivolgete?
Aver ottenuto questo riconoscimento con il nostro Anaconda Mosaic Cuff a Couture, è un concreto e significativo contributo all’immagine delle creazioni Vendorafa ed al lavoro che facciamo con i nostri partner della distribuzione negli USA, un mercato per noi storico ed in cui siamo presenti con continuità dai lontani anni ‘80 e dove siamo molto solidi. Altrettanto stabile la nostra penetrazione in Europa e in Giappone dove vantiamo ormai una presenza ininterrotta da circa un trentennio”.

Per un’azienda come la vostra ricca di tradizione, quali sono adesso i progetti per il futuro?
Ci prepariamo a festeggiare un compleanno importante: i nostri 70 anni come azienda nel 2021. E per celebrarci stiamo lavorando con grandi sforzi per valorizzare ancora di più la nostra vocazione alla creatività unitamente al tema attualissimo della sostenibilità. La salvaguardia dei processi di lavorazione, l’estrazione delle materie prime, l’etica del lavoro sono temi importantissimi. Il futuro è il presente ricco di opportunità e di grandi sfide, accettarle oggi con capacità di guardare ed interpretare il domani è un fattore fondamentale nella vita della nostra azienda”.

www.vendorafa.net

 

Vendorafa, the all-Italian winner of the latest Couture Award in Las Vegas.

Tradition, design and craftsmanship are the hallmarks of Vendorafa, an intrinsically Italian company and member of the “Club degli Orafi” since the 1980s. It triumphed at the Couture Award in Las Vegas, winning first prize in the Editor’s Choice category for the Anaconda Mosaic Cuff.
Augusto Ungarelli, the sole manager, told us of his delight at winning this coveted award.
“The Couture Award is something of which we can be enormously proud, and could not have been won without excellent teamwork. My wife Daniela, the creative director and production manager, personally oversaw the development of the cuff from the first sketch to the finishing touches.”
How did the concept for the Anaconda collection come about?
“The snake, as a symbol of femininity and sensuality, has played a central role in our jewellery since the 1970s. We have developed both smooth and hammered snake-effect surfaces, featuring lines of black enamel that bring out the scales, and white or black brilliants. This highly contemporary collection is based on a very real art of extraordinary savoir faire.”
How important is the American market for a product like that of Vendorafa, and what are your other target markets?
“This award adds value to the image of Vendorafa’s creations. We have been on the US market since the 1980s and our presence there is solid and has withstood the test of time. We also enjoy a stable position on the market in Europe and Japan, where we have been present without fail for about thirty years.”
For a company like yours that is so rich in tradition, what plans do you currently have for the future?
“We are preparing for an important anniversary: our 70th, in 2021. We are working to further perfect our vocation for creativity but also for sustainability, an aspect of key importance. The future is our present, abounding in opportunities and challenges; taking these on today while trying to see and interpret what might happen tomorrow is fundamental to life at


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

G Robert – secondo banner orizzontale