di


Valenza Gioielli, salta l’edizione 2016

Per ora Confindustria Alessandria guarda verso i poli di attrazione internazionale: la rassegna si sarebbe dovuta svolgere al Castello di Guarene dal 22 al 24 ottobre

valenza-gioielli

Nel corso dell’estate si erano definiti i dettagli dell’edizione 2016 di Valenza Gioielli, che si sarebbe dovuta svolgere al castello di Guarene, nell’Albese, dal 22 al 24 ottobre. Nuove valutazioni emerse nelle ultime settimane hanno spinto il gruppo Orafi di Confindustria Alessandria a uno stop: per ora, la fiera piemontese dell’oro salta.

“Il questionario che avevamo sottoposto pochi mesi fa alle imprese (associate e non) aveva chiaramente messo in rilievo quelle che potevano essere le iniziative per rendere Valenza Gioielli un marchio di eccellenza non più riferito a un luogo fisico – si legge nella nota con cui gli orafi valenzani annunciano la sospensione dell’evento -, quanto piuttosto rappresentativo delle caratteristiche artigianali e di design che contraddistinguono la nostra gioielleria”. Una “pausa di riflessione” per fare il punto su una congiuntura economica difficile e l’insoddisfazione rispetto ai più recenti eventi fieristici.

Lo sguardo, più che altro, sembra rivolto all’estero, verso poli di attrazione internazionali come Hong Kong e Las Vegas, dove è più folto il pubblico di professionisti alla ricerca dell’alta gioielleria, principale core business del distretto valenzano. “Promuovere Valenza Gioielli in un contesto sempre diverso, di alto livello, e coniugata ad altri appuntamenti di territorio è una scelta – si legge ancora -, preferita nell’espressione di interesse dagli stessi imprenditori, che ci sentiamo di difendere e che è per il futuro probabilmente obbligata, se si vuole cercare quel salto di livello collettivo che auspichiamo”.

Ma la pausa, fanno sapere da Valenza, è “solo momentanea”. L’intenzione è infatti quella di ripartire dal lavoro effettuato negli ultimi mesi, nel segno del dialogo con il Comune di Valenza e il Sindaco Barbero. La condivisione progettuale di Regione Piemonte, Agenzia ICE, Camera di Commercio di Alessandria e Ceipiemonte, inoltre, in relazione a una iniziativa che intendeva distinguere il gioiello con un format innovativo e diverso dal tradizionale modello fieristico, spinge verso scelte che pongono l’accento sulle specificità territoriali.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *