di


Vacheron Constantin, l’intesa con l’Italia travalica il tempo

Il dialogo ininterrotto tra la Maison ed il Bel Paese in una mostra a Milano nell'Orologeria Pisa. Tredici creazioni datate tra il 1824 e il 1979

Vacheron Costantin 3-min
Vacheron constantin 2-min
Vacheron costantin 4-min
Vacheron Costantin 1-min
Vacheron -min
Vacheron Costantin -Badét_1342339-min
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

Vacheron, nipote del fondatore Jean-Marc Vacheron, alla Maison e la corrispondenza con i partner commerciali dell’epoca, fino a pagine pubblicitarie come quella che annunciava l’Esposizione Internazionale di Milano del 1906 nel cui ambito fu presentato e premiato il modello Vacheron Constantin del 1905, ora tra i tredici pezzi in mostra a via Verri, orologio da tasca con cassa in oro giallo decorata con smalto cloisonné raffigurante un motivo floreale composto da cardi, quadrante argentato guilloché con 11 numeri arabi, quadrante dei piccoli secondi a ore 6.

Perchè questo stretto rapporto con l’Italia? Il Bel Paese amava ed ama molto l’alta orologeria, generando un’interessante domanda. Gli scambi tra la penisola italiana e Ginevra ebbero un importante picco tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo e Jacques-Barthélémy Vacheron, intuendo le opportunità che il mercato offriva, incrementò le sue trasferte, durante le quali incontrò François Constantin, venditore della Maison Bautte & Cie. Dall’unione dei due talenti, nel 1819, nasce lo spirito attuale della Maison, secondo il motto “Fare meglio se possibile, ed è sempre possibile”.

Alcuni modelli divennero molto popolari in Italia, la clientela cresceva di numero e di prestigio, tra i nomi illustri spiccavano quelli di G. B. Pirelli e di Papa Pio X che acquistò un orologio d’argento nel 1923.

Vacheron 3 polso -min
Vacheron polso 2-min
Vacheron 6 polso-min
Vacheron Costantin polso 7-min
Vacheron polso 7-min
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

La Maison, legata al nostro Paese anche dalla partnership con Pisa Orologeria con un rapporto che risale al secondo dopoguerra, arriva ad oggi con spirito immutato e concentrato a creare prodezze tecniche ed artistiche, come commenta Marco Pagani, brand Manager Italia di Vacheron Constantin: “La tradizione storica e il vintage sono temi di grande attualità e di sempre maggiore interesse da parte degli appassionati di orologeria. È un privilegio per la nostra boutique di Milano poter esporre al pubblico una selezione di pezzi del patrimonio Vacheron Constantin così emblematici. Il design, il savoir faire artigianale, e la tecnica orologiera sapranno affascinare il pubblico che potrà apprezzare la modernità che Vacheron Constantin ha sempre espresso attraverso le proprie creazioni rispettando sempre la più alta tradizione”.

www.vacheron-constantin.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *