di


Vacheron Constantin, ampliate le collezioni Malte e Métiers d’Art

Tante le novità presentate da Vacheron Constantin al SIHH di Ginevra. Molto atteso il modello per la celebrazione del centenario del celebre tonneau, con un design essenziale che rinnova la collezione Malte, oltre alle tante novità della collezione Métiers d’Art, alchimia tra arte grafica e tecniche decorative dell’Alta Orologeria come incisione, smaltatura, incastonatura e guillochage.

A distanza di 100 anni da quando la Manifattura produsse la cassa Tonneau, è nata l’occasione di ridisegnare la collezione Malte e di arricchirla con quattro nuovi modelli dalle linee essenziali e raffinate, quattro declinazioni perfettamente classiche nello spirito, ma contemporanee nello stile. Oltre ai nuovi Malte Tourbillon, Malte Petite Seconde e Malte Petit Modèle, la Manifattura presenta un orologio anniversario in edizione limitata a 100 esemplari, in omaggio ai 100 anni trascorsi, Malte Edition 100ème Anniversaire, tutti omologati secondo i nuovi criteri del Punzone di Ginevra.

Il Malte Tourbillon porta un quadrante essenziale, con indici e numeri romani in oro rosa a indicare le ore 12, mettendo in risalto il tourbillon che porta la lancetta dei secondi, perfettamente integrato alle nuove linee raffinate della collezione. La sua collocazione a ore 6 ha richiesto che l’asse delle lancette delle ore e dei minuti, ben visibili al di sopra del cuore pulsante dell’orologio, fosse leggermente decentrata. Il più grande della linea, l’orologio è proposto con una cassa sagomata in oro rosa 18 carati di 38×48,2 mm con cinturino in pelle di alligatore Mississippiensis marrone e chiusura déployante in oro rosa a forma di croce di Malta: all’interno batte il calibro 2795 meccanico a carica manuale, composto da 246 elementi.

Il Malte Petite Seconde è nato dalla voglia di proporre un orologio tradizionale la cui semplicità fosse eguagliata solo dalla raffinatezza delle curve armoniose. Cassa in oro rosa 18 carati di 36,7×47,6 mm, con indici e i numeri romani 12 e 6, anch’essi in oro rosa e segno distintivo della collezione, rilavorati per sposare al meglio la nuova sagoma adottata dalla cassa tonneau. Il calibro Vacheron Constantin 4400 AS, che anima le lancette delle ore, dei minuti e dei piccoli secondi a ore 6, è noto per la sua affidabilità e lo straordinario lavoro di finiture ed esibisce il Punzone di Ginevra. Cinturino in pelle di alligatore Mississippiensis marrone con chiusura in oro rosa a forma di croce di Malta.

Con il terzo “nuovo arrivato”, il Malte Petit Modèle, Vacheron Constantin ha voluto rendere omaggio agli amanti degli orologi di forma, ma di piccole dimensioni. Cassa sagomata in oro rosa di 28,3×38,7 mm che ospita il movimento al quarzo, calibro 1202. Gli indici e numeri romani 6 e 12 accompagnano perfettamente l’incastonatura di diamanti della lunetta. Questo orologio con diamanti, elegante e raffinato è proposto con due varianti di cinturino, in pelle di alligatore Mississippiensis o in raso.

Infine, il modello dedicato al centenario: il 1912 rappresenta un anno chiave nella storia di Vacheron Constantin che adotta la forma tonneau, con un successo immediato. Per celebrare lo spirito anticipatore di quei tempi, Vacheron Constantin ha deciso di presentare il modello Malte Edition 100ème Anniversaire, un orologio a carica manuale limitato a 100 esemplari. La cassa si distingue per la sua finezza, l’eleganza delle sue linee, la sagoma della carrure e le anse discrete. Il quadrante evidenzia numeri romani dipinti nello stile dei modelli dell’epoca. L’edizione anniversario è proposta in una cassa di 36,7×47,6 mm, in platino 950, un metallo raro e prezioso, molto caro a Vacheron Constantin, che sottolinea l’estetica raffinata di questo orologio in stile vintage. Calibro Vacheron Constantin 4400 a carica manuale, con indicazione delle ore e dei minuti, anima il modello, dotato di una riserva di carica di 65 ore. Cento esemplari numerati sul fondo, sono proposti con cinturino in pelle di alligatore Mississippiensis blu e chiusura in platino 950 a forma di croce di Malta.

Anche l’omaggio ai mestieri d’arte si arricchisce di nuovi modelli: filo conduttore tra le diverse epoche i segnatempo della collezione Métiers d’Art si trovano al crocevia tra passato, presente e futuro. Pittura, incisione, scultura e arti decorative, universi dove l’uomo, il suo talento e la sua personalità intrecciano un legame stretto con il tempo, sono stati interpretati già più volte dalla manifattura nelle collezioni “Les Masques”, in collaborazione con il Museo Barbier-Mueller; “Chagall & l’Opéra de Paris” e “La Symbolique des Laques”.

Ora arriva “Les Univers Infinis”, una serie di orologi nati dalla volontà di rendere omaggio alla creatività e che offrono all’Alta Orologeria un volto nuovo, una grafica contemporanea risultato del matrimonio tra la matematica e l’estetica. Ispirata alla tecnica della pavimentazione periodica – detta tassellazione – e ai lavori dell’artista olandese Maurits Cornelis Escher, per realizzarla la Manifattura ha fatto ricorso a diversi Métiers d’Art, la smaltatura, l’incastonatura, l’incisione e il guillochage. I quadranti si appropriano delle nozioni di geometria, di simbolismo e di movimento e sembrano replicare all’infinito i diversi elementi. Le sfumature di colore sono il frutto di un lavoro minuzioso; lo scopo era quello di creare abbinamenti armoniosi che consentissero ai soggetti di incrociarsi senza sovrapporsi.

Tutti e tre i segnatempo sono animati dal calibro 2460, un movimento meccanico a carica automatica recante il prestigioso Punzone di Ginevra. Angoli lucidati e fianchi stirati, platina perlata secondo le regole dell’arte, Côte de Genève sui ponti e sulla massa oscillante in oro guilloché con l’elegante motivo “Vieux panier”, il tutto visibile attraverso il fondello con vetro zaffiro. Il quadrante dell’orologio Colombe inscena uno stormo di colombe rese sublimi dalle arti dell’Alta Orologeria: incisione, smalto champlevé, incastonatura e guillochage convivono gli uni vicino agli altri come altrettante tassellazione che, insieme, compongono uno straordinario risultato decorativo. Cassa in oro bianco, lunetta sottile e lancette scavate per un’opera d’arte nata dalle mani di quattro maestri artigiani della manifattura.

L’Orologio Poisson accoglie invece sottili sfumature di blu e di grigio, in un chiaroscuro sapientemente studiato, disegnano un banco di pesci che si abbracciano gli un gli altri. Abbina il guillochage e lo smalto cloisonné, si ispira a un’opera di Maurits Cornelis Escher. Il motivo è realizzato su una base di quadrante in oro bianco e gli occhi dei pesci vengono incisi con cura.

Il modello Coquillage, ancora, disegna conchiglie e stelle marine che formano un fondale ocra e luminoso, sorvolato dalle lancette scheletrate, leggere e dalla forma slanciata. L’intreccio di conchiglie e stelle marine disegna un affascinante girotondo che, in funzione della luce, evidenzia uno dopo l’altro i dettagli delle figure. Il quadrante è realizzato secondo le tecniche dell’incisione e dello smalto champlevé.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA