di


Una visita allo stand Maria De Toni a OroArezzo per una creatività a sostegno di un nuovo Made in Italy

Un marchio di identità culturale per una Rinascita dell’Italia attraverso il recupero degli antichi artigianati: appuntamento dal 13 al 16 aprile

Quando tra poco più di una settimana aprirà i battenti OroArezzo, il Salone della gioielleria in calendario dal 13 al 16 aprile, i visitatori della rassegna non potranno non soffermarsi davanti alle vetrine di Maria De Toni. Nel padiglione Chimera, allo stand 513E, infatti, tutta la creatività della stilista orafa Maria De Toni, che tra i tanti ruoli ricopre anche quello di Vice Presidente della Sezione Industrie e Servizi Vari di Confindustria Vicenza, attirerà ogni sguardo nel segno della creatività Made in Italy.

Maria De Toni, Collezione Pizzo di Burano

È questa la chiave di lettura delle collezioni dell’azienda che porta il nome della sua fondatrice e presidente, e positivo è lo spirito con cui si presenta in fiera. Un ottimismo che non è solo predisposizione d’animo ma soprattutto consapevolezza della propria storia. Maria De Toni, infatti, oltre a trasfondere nelle sue creazioni tutta la bellezza e la maestria che hanno fatto della nostra tradizione un simbolo mondiale dell’eccellenza Made in Italy, è anche una ricercatrice attenta alla diffusione, insieme al suo team, di progetti di economia integrata che portino influssi positivi nei mercati e nelle culture che il gioiello, viaggiando, incontra.

Un lavoro a sostegno dell’internazionalizzazione che dura ormai da decenni e che ha come massima espressione il recupero degli antichi artigianati di ogni regione italiana, da portare in collezioni in oro e argento. In particolare, in virtù del ruolo ricoperto in Confindustria la De Toni ha recuperato con le collezioni Pizzo di Burano (Venezia la Serenissima) l’artigianato del pizzo di Burano in oro e in argento e l’antica tecnica dell’intreccio a paglia di Marostica (nella foto a sinistra, un esempio), famosa nel passato per le sue borse, cappelli e sedie di paglia. Per dare vita ad un progetto ancora più territoriale quale: “Made in Italy in Vicenza e Internazionalizzazione”. In questo scenario che attraversa epoche, popoli e culture, si inseriscono le ultime proposte di Maria De Toni Srl, come la collezione Pizzo di Burano in oro, reinterpretata in chiave fashion, o Collezione Basket dagli intrecci a paglia di Marostica (in oro e in argento con pietre semipreziose e incisioni a mano diamantate).

Maria De Toni, Collezione Basket

Ma se si è convinti di aver visto già tutto, l’ennesima sorpresa della stilista orafa arriva dalla Collezione Lariat, oro dallo stile fashion, catene lavorate a mano vuote con pendente a decoro traforato in stile déco. Le sue linee sono la testimonianza di una maestria che ha ancora molto da dire al mondo intero, e che sarà protagonista dal 13 al 16 aprile: per fare parte di questo viaggio nella tradizione rivissuta in chiave contemporanea, sarà sufficiente visitare OroArezzo e restare affascinati dai gioielli Maria De Toni, per una Rinascita dell’Italia grazie ad un nuovo Made in Italy.

Maria De Toni, Collezione Lariat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Lebole secondo banner orizzontale