di


Una mostra d’eccezione mette in scena il vinilismo

La Luigi Verga Orologi di Corso Vercelli 7 a Milano unisce alla vasta gamma di proposte come Rolex, Patek Philippe, Tudor, Audemars Piguet, IWC, Jaeger-LeCoultre, Tag Heuer, Panerai, Baume & Mercier, anche l’avanguardistica linea di gioielleria “Vinylism Art Jewels” creata da Sigis.

Milanese, classe 1978, Sigis è considerato l’artista creatore del “Vinilismo”, che equivale alla manipolazione di vecchi dischi in vinile ai quali ridà vita trasformandoli in originalissime opere d’arte che riflettono i suoi stati d’animo, i suoi pensieri, la sua visione della realtà che ci circonda. Con un curriculum di tutto rispetto in cui spicca l’esposizione permanente dei suoi lavori nella prestigiosa galleria GAM di Montecarlo, che ospita opere dei più importanti artisti moderni: Wahrol, Chagall, Mirò, Magritte, Picasso,  Sigis accosta il vinile a oggetti d’antiquariato e di recupero mescolandoli a tinte accese: LP 33 e 45 giri trasformati in labbra, rose ed altre forme, esprimono messaggi e stati d’animo dell’autore.

Il vinile è un oggetto-icona che appartiene al passato di Sigis. Grande appassionato di musica, vanta 15 anni di carriera come dj, producer e sound designer.
Alla mostra sarà  esposta anche l’installazione considerata tanto provocatoria quanto apprezzata: ”La vera realtà è quella che ognuno di è convinto di vivere” presentata in occasione di “Arte Accessibile Milano 2010” in marzo.
“Da sempre la nostra arte è quella di emozionare “,  è il motto della filosofia della Luigi Verga Orologi, azienda con un occhio molto attento a tutto ciò che di interessante ed innovativo la circonda. “Siamo a contatto con l’arte tutti giorni, tocchiamo con mano splendide opere di micromeccanica che rivelano movimenti  geniali nella tecnica, eccellenti dal punto di vista delle decorazioni, sia dei componenti interni sia di quadranti, casse, lancette ..” afferma Valeria Verga, alla guida del punto vendita. La pittura, la scultura, sono espressione di un altro mondo artistico che condividiamo e da qui il piacere di proseguire la  partnership con Sigis, al secolo Matteo Antonio Vaccari Sigismondi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *