di


Tradizione, innovazione e made in Italy a Valenza Gioielli

Dal 27 al 30 ottobre l’appuntamento al Centro Espositivo Expo Piemonte: in arrivo numerose delegazioni di buyer esteri

Valenza Gioielli lascia la prima settimana di ottobre, sua tradizionale collocazione temporale, per spostarsi verso la fine del mese: quest’anno si svolgerà dal 27 al 30 ottobre il 35esimo Salone internazionale Valenza Gioielli (il quinto nella nuova struttura), grazie ad una scelta motivata dalla necessità di ottimizzare le richieste del mercato e razionalizzare il calendario fieristico di settore.

Ma non è questa l’unica novità dell’evento piemontese che mette in vetrina la migliore offerta di un distretto composto, complessivamente, da 1000 imprese e 5000 addetti impiegati in realtà differenziate che coprono dalla produzione alla distribuzione. Nel Centro Espositivo Expo Piemonte, che si propone con un format d’allestimento ispirato a un nuovo concept dalla modularità esclusiva, saranno di scena le collezioni di grandi griffe, di rappresentanti del sistema produttivo di distretto ma anche di micro-imprese artigiane che hanno lavorato per arrivare in fiera pronti ad affrontare le richieste del dettaglio nazionale ed internazionale.

Proprio i rapporti con i buyer esteri sono stati ulteriormente rafforzati con la presenza di delegazioni provenienti da molti paesi del mondo, soprattutto da aree strategiche per il comparto, grazie agli interventi di Regione Piemonte attraverso il CEIP (Centro Estero per l’internazionalizzazione) e dell’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (ICE) con il coinvolgimento degli uffici europei.

Per chi farà visita a Valenza Gioielli, una gamma merceologica eterogenea che ha come denominatore comune il made in Italy, la fusione tra un’anima tradizionale e artigianale e una vocazione contemporanea ad esplorare nuove tecnologie e nuovi processi di lavorazione.

“È in corso un grande sforzo organizzativo incentrato sulla crescita della manifestazione intesa come “fiera del distretto” – spiega Francesco Barberis, da maggio presidente dell’Associazione Orafa Valenzana (nella foto a sinistra) – e come tale in grado di presentare storiche maison orafo-gioielliere e selezionate realtà artigiane all’interno di un contesto espositivo raffinato e dotato di tutti i comfort per espositori e visitatori”. Tanto più che l’evento precede di soli due mesi la stagione più attesa dal comparto della gioielleria: il Natale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *