di


Tra un mese al via la seconda Dubai Diamond Conference

Il 21 e il 22 aprile maxi-incontro tra i rappresentanti del settore minerario e del commercio di diamanti: il tema del dibattito è “La nuova via della seta”

Dubai_Jumeirah-Lakes-Towers

Tutto pronto per la seconda Dubai Diamond Conference, organizzata dal Dubai Diamond Exchange (DDE) e dalla piattaforma Dubai Multi-Commodities Centre (DMCC): i principali leader del settore minerario – tra cui i rappresentanti di De Beers Group e Alrosa – si incontreranno il 21 e il 22 aprile all’Almas Tower, la più alta torre commerciale del Medio Oriente e sede del DDE. Ad aprire i lavori, Herman Van Rompuy, l’ex presidente del Consiglio europeo.

L’incontro è incentrato sul tema “The New Silk Route”, la nuova via della seta – che indica lo spostamento di negoziazione da occidente verso Africa e Asia – e riunirà oltre 500 stakeholder del settore dei diamanti, tra cui ministri, autorità di regolamentazione, consulenti politici, gioiellieri e commercianti. I partecipanti discuteranno di tutti i temi “caldi” del momento. Tra gli ospiti, Paul Rowley, vice presidente esecutivo delle vendite del gruppo De Beers; Andrey Polyakov, vice presidente di Alrosa, e Carlos Sumbula, presidente di Endiama.

Le tre società, insieme, rappresentano più di due terzi della produzione di diamanti grezzi del mondo. Prima per volumi è Alrosa, De Beers è in cima per fatturato, mentre i giacimenti di diamanti di Endiama sono tra i più promettenti per le future scoperte di kimberlite. “Le prospettive per l’industria dei diamanti sono radiose – ha detto Rowley –  ma questa opportunità sarà pienamente realizzata solo se gli investimenti saranno realizzati in tutta la catena del valore. La Diamond Conference di Dubai rappresenta l’occasione ideale per i portatori d’interesse del settore per discutere sfide e opportunità”.

La conferenza accoglierà anche i principali leader del commercio di diamanti: Edward Asscher, presidente del World Diamond Council; Ernie Blom, presidente della Federazione Mondiale delle Borse Diamanti, e Maxim Shkadov,  presidente dell’International Diamond Manufacturers Association. “Dubai è un attore importante della comunità dei diamanti – ha detto Asscher -. La città ha portato nuova energia all’industria e un gateway necessario per il mercato del retail mediorientale”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *