di


Tiffany, si è dimesso l’Ad Cumenal

La decisione dell’amministratore ha “effetto immediato”. Mentre si cerca un successore, il presidente Michael Kowalski ricoprirà il ruolo di CEO ad interim

tiffany-co_frederic-cumenal-compressor
Frederic Cumenal, Ceo dimissionario di Tiffany & Co.

Si è dimesso con effetto immediato Frederic Cumenal, amministratore di Tiffany & Co. dal 2015. Il Consiglio di Amministrazione della maison ha già avviato la ricerca per reclutare il suo successore, assistita da una primaria società di executive search. Durante questo processo, Michael J. Kowalski, presidente del Cda ed ex CEO di Tiffany, ricoprirà il ruolo di amministratore ad interim, senza lasciare la carica di Presidente.

“A nome dell’intero Consiglio di Amministrazione, vorrei ringraziare Frederic Cumenal per il suo contributo in Tiffany – ha detto Kowalski –. In un momento di sfide continue nel mercato globale del lusso, Frederic ha potenziato il team di gestione e compiuto passi importanti per posizionare Tiffany sulla strada per un successo a lungo termine. Gli auguriamo il meglio nelle sue attività future”.

Delusione, comunque, è stata espressa da Kowalski in merito ai recenti risultati finanziari: tra i tanti dati, spicca il -14% delle vendite natalizie nel negozio storico di New York. Il Consiglio fa sapere di voler accelerare l’esecuzione di strategie di ripresa per competere più efficacemente nel mercato del lusso globale, rimanendo concentrati su una migliore esperienza del cliente, aumentando il tasso di introduzione di nuovi prodotti e l’innovazione, massimizzando l’efficacia del marketing, l’ottimizzazione della rete di negozi. “Crediamo in queste iniziative – ha precisato Kowalski -. Tiffany è un marchio iconico con una famiglia di collaboratori di talento e competenze da abbinare, e non vedo l’ora di sostenere la società durante la fase di transizione”.

“Sono orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato in Tiffany – ha detto Cumenal, congedandosi – e vorrei ringraziare il team di gestione ed i nostri dipendenti di talento in tutto il mondo, con i quali ho avuto il piacere di lavorare. Ho grande fiducia nel marchio Tiffany, nella sua direzione strategica e nella gente, e credo che la Società avrà molte interessanti opportunità per il futuro”. Tre settimane fa, dopo l’addio del direttore artistico Francesca Amfitheatrof, il marchio ha arruolato Reed Krakoff come Chief Artistic Officer.

www.tiffany.com

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *