di


Diamonds: A Jubilee Celebration. Nel 2012 a Buckingham Palace

La tiara delle ragazze inglesi. 1893, R & S Garrard

Sarà un evento abbagliante quello che nel febbraio 2012 si terrà a Buckingham Palace per festeggiare i 60 anni di regno della regina Elisabetta II, un avvenimento che sarà celebrato con una spettacolare mostra di gioielli, tra quelli ereditati da Sua Maestà e quelli ricevuti durante il suo regno, che mostrerà anche i tantissimi modi in cui i diamanti, da sempre le gemme preferite dai sovrani, sono stati usati ed indossati dai monarchi inglesi nel corso degli ultimi due secoli. Inevitabili le tante trasformazioni che queste rarità hanno subito nel tempo. Da ammirare la splendida collana dell’incoronazione, composta da 25 brillanti a taglio diamante di grandezza graduale a forma di cuscino con al centro un diamante pendente di 22.48 carati insieme agli orecchini creati per la Regina Vittoria e successivamente indossati dalla regina Alessandra, dalla Regina Maria, dalla Regina Elisabetta e da Sua Maestà per le loro rispettive incoronazioni. La spilla a frangia della Regina Vittoria (indossata dalla regina Elisabetta, la regina madre, per l’incoronazione del 1953) che sfoggia un enorme brillante a taglio smeraldo circondato da 12 altri grandi brillanti a cui sono sospese nove catene di diamante. Fu realizzata nel 1856 da R & S Garrad che rimodellò un gioiello già esistente ed al quale aggiunse le pietre che erano state offerte alla Regina dal Sultano Turco Abdul Mejid I° nel maggio di quell’anno. Alla morte del principe Alberto nel 1861 la regina Vittoria non indossò la spilla perché lasciata al re Eduardo VII, fu spesso portata dalla sua consorte la Regina Alessandra. La miniatura di corona, indossata dalla regina Vittoria per il ritratto ufficiale del giubileo del diamante del 1987, fu invece realizzata da R & S Garrard nel 1870. La regina la indossò per la morte del principe Albert. Ben 1,187 diamanti per una corona di minuscole proporzioni (9 cm x 10 cm) probabilmente così voluta dalla regina Vittoria a causa della sua piccola statura, infatti la preferì ad ogni altra lungo gli ultimi 30 anni della sua vita. La tiara delle ragazze Inglesi, offerta a sua Maestà dalla regina Maria, fu il dono nuziale delle ragazze d’Inghilterra e d’Irlanda. La futura duchessa di York la indossò al Ballo nella casa di Devonshire nel 1897 per il suo abito in stile rinascimento francese.

La Regina Elisabetta II con il Principe Carlo e la principessa Anna, Novembre 1954

Spilla a frangia della Regina Vittoria. 1856, R & S Garrard

Fra i pezzi più moderni esposti c’è anche la collana Sud Africa, offerta alla poi Principessa Elisabetta per il suo 21simo compleanno nel 1947; la spilla Williamson con al centro il piu pregiato diamante rosa trovato in Tanzania nel 1947 dal geologo Canadese Dr. Williamnson che offrì la pietra non tagliata alla principessa Elisabetta per il suo matrimonio. Nel 1953 Cartier posizionò il diamante tagliato al centro della spilla a forma di giunchiglia con altri 200 più piccoli, anch’essi offerti da Dr. Williamnson; ed una quantità di oggetti storici tra cui la splendida scatola di ematite ricoperta da circa 3000 diamanti che vanno a formare fiori, insetti e strumenti musicali. Fu realizzata per il re Federico Il Grande di Prussia.

Collana e bracciale Sud Africa. 1947 e 1952, Garrard & Co.

Regina Vittoria, Franz Xaver Winterhalter, 1859

Spilla Williamson con al centro il diamante rosa trovato da Dr. Williamnson montato e taglitato da Cartier


2 commenti

  1. Françoise Izaute says:

    Vorrei sapere chi organizza questa bellissima mostra? grazie mille
    Françoise


    • Maria Rosaria Petito says:

      cara Francoise, può contattare lo 020 7839 1377
      Royal Collection Public Relations and Marketing
      York House, St James’s Palace,
      London


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *