di


Tesori e Talismani. Anelli dalla Collezione Griffin

Ogni anello racchiude un messaggio. È un monile, un segno di distinzione, un vezzo, un’opera d’arte e di bellezza da indossare e da mostrare.
Da questo assioma è nata la preziosa esposizione del Met Museum di New York, visitabile fino al 18 ottobre nell’area del chiostro.

Rare creazioni di un periodo che scorre dall’età antica, passando per il medioevo fino al rinascimento in una piccola e delicata esposizione dallo spessore storico molto elevato con aneddoti e storie che non mancano di affascinare gli spettatori.
Uno sguardo umanistico ed estetico in un’età che meglio ha saputo coniugare valore estetico, prezioso e di significato negli anelli del potere, religiosi e matrimoniali.

Con “Tesori e Talismani. Anelli dalla Collezione Griffin” il Metropolitan Museum of Art presenta oltre 60 preziose testimonianze (tutte acquistate da un collezionista privato) realizzate per lo più in Europa.
Ogni anello racchiude un mondo fatto di tecniche, materiali e storie che rappresentano un universo di grande valore e dal fascino intramontabile.

Tra i più belli esempi di questa rara ed inestimabile collezione:

Octahedral Diamond Ring

Anello con diamante naturale
In oro di età romana, risalente al III, IV secolo d.C. l’anello è sormontato da diamante incastonato utilizzato nella sua forma naturale non essendo state ancora inventate le tecniche di taglio. Rappresenta un interessante esempio del suo tempo, mostrando un duplice aspetto. Il primo legato all’apprezzamento della preziosa pietra la cui provenienza era di sola origine indiana, il secondo è la palese testimonianza dei grandi e diffusi traffici del commercio dai romani intrapreso.


Anello con acquamarina

Anello con acquamarina
Risalente al XII-XIII secolo, questo anello in oro fu prodotto molto probabilmente in area bizantina ed è molto importante per la evidente volontà di mettere in evidenza la grande acquamarina con taglio a cuscino, il cui importante castone è ulteriormente arricchito di piccole perle e da lavorazioni in oro granulato.


zaffiro iscritto

Anello con zaffiro inciso
Risalente al XIV secolo questo splendido anello di fattura italiana, custodisce uno zaffiro persiano (datato probabilmente al X secolo) che reca inciso un nome in arabo “Abd as-Salam ibn Ahmad”. È questo un esempio di come ci fossero nel medioevo scambi commerciali molto importanti, storicamente e geograficamente, e il riutilizzo di materiale antiquario, in questo caso maggiormente apprezzato per la sua preziosità. La montatura in oro, oltremodo ricca, reca all’interno la bella inscrizione in caratteri medievali “Per amore che sono stata fatta e per amore sono indossata”.


Skull

Anello con teschio
Di provenienza inglese (XVII secolo) in oro con diamanti, questo anello rappresenta l’ostentazione del monito “memento mori”. La microscultura che si apre contiene al suo interno un rubino, un messaggio chiaro e lampante: L’amore che vince sulla morte.


fede

Fede
Una splendida riproduzione dell’intesa nunziale, con due mani che si stringono a mostrare il patto siglato. Tutto in oro questo anello è di probabile provenienza inglese e risale al XVI secolo.


anello romano homonoea

Anello Homonoea
Splendido esempio di arte tardoromana, risalente al III-IV secolo. In oro tutto finemente traforato (con scritte e fregi) racchiude al centro un importante pietra incisa.


 

Questa piccola preziosa mostra espone  capolavori dall’aura eterna, simboli non solo di bellezza ma anche prodigiosi esempi di un elevato livello di artigianalità che racchiudono tutta la grande abilità raggiunta dagli orafi in uno dei periodi più fiorenti per la gioielleria europea. Un eccezionale e valido esempio da poter tener conto nelle future ed attuali collezioni.

 

Treasures and Talismans
Rings from the Griffin Collection
Fino al 18 ottobre
Met, New York


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *