di


Super, riflettori puntati sugli accessori donna

Il salone del prêt-à-porter di Pitti Immagine con Fiera Milano da sabato 28 febbraio a lunedì 2 marzo: fashion contemporaneo tra brand celebri e nomi emergenti

Super 2015

È l’edizione numero 5 del salone dedicato agli accessori e al prêt-à-porter donna: Pitti Immagine con Fiera Milano presentano  Super, dal 28 febbraio al 2 marzo, a Milano, all’interno del Padiglione 3 di FieraMilanoCity. Mix inedito di fashion contemporaneo tra brand consolidati, nomi emergenti e nuovi designer, SUPER presenta un’offerta disegnata per chi è alla ricerca di novità in sincrono con il mercato di oggi.

Protagonisti circa 200 brand italiani ed esteri scelti per il loro approccio innovativo e di ricerca, con le collezioni donna autunno-inverno 2015/16. La manifestazione è anche un contenitore dinamico di eventi speciali, installazioni e performance. Tra questi The Green Closet, patrocinato da UK Trade & Investment e Consolato Generale Britannico, che accoglierà una selezione di marchi di moda e oggetti design eco-sostenibili.

Alte le aspettative degli espositori, che confidano nella settimana della moda per spingere sempre più verso l’alto l’export del comparto: secondo gli ultimi dati Istat, nel periodo gennaio-ottobre 2014 l’interscambio con l’estero di moda donna ha registrato un riallineamento dell’andamento di import ed export, così come riscontrato con riferimento alla moda maschile. L’export vede, infatti, proseguire il trend positivo già sperimentato a partire dal 2013, mettendo a segno un ulteriore aumento del +3,8%, per un totale di 6,6 miliardi circa.

Parallelamente l’import torna interessato da una dinamica di crescita, che nel periodo monitorato si traduce in una variazione del +7,9%. Di conseguenza, il surplus commerciale di settore ad ottobre risulta prossimo ai 2,7 miliardi di euro, in lieve calo, dunque, a confronto con il gennaio-ottobre 2013 (-45 milioni di euro).

La crescita delle esportazioni è stata riscontrata sia verso l’UE (+4,6%) sia verso l’extra-UE (+3%): mentre la Francia, primo mercato di sbocco della moda femminile made in Italy con una quota dell’11,5%, frena al -0,2%, la Germania presenta un’evoluzione del +6,9%. Sempre in ambito UE, si sottolinea la performance del Regno Unito, in crescita del +14,3%, mentre la Spagna registra un +3%. Relativamente ai mercati extra-europei, la Russia – passata in terza posizione – nel periodo monitorato presenta un arretramento del -11,6%; di contro, l’export verso gli Stati Uniti, quarto sbocco dello womenswear italiano, cresce del +10,7% per un totale di 468 milioni di euro. Crescite vivaci per Hong Kong, Cina e Corea del Sud, pur su livelli sensibilmente differenti.

Super 2015 accessori

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *