di


Studio pilota in Tanzania, il Gia dona guida alle miniere artigianali

Il Gemological Institute of America porta avanti un progetto con l’Ong internazionale Pact: nel libretto, distribuito a 45 donne, conoscenze di base su gemme e mercati

GIA_Artisanal-Mining-Guide_636x358_1356041491868-compressor
Tanzania, a destra Marvin Wambua, graduate gemologist GIA mentre aiuta i partecipanti del programma pilota GIA a esaminare una gemma. Photo by Robert Weldon © GIA

Quarantacinque donne impiegate nelle miniere artigianali nella regione del Tanga, in Tanzania, hanno ricevuto in anteprima una guida del Gemological Institute of America, nell’ambito di uno studio pilota lanciato dall’istituto con l’ong internazionale Pact. L’opuscolo illustrato dal titolo “Selecting Gem Rough: A Guide for Artisanal Miners” è stato sviluppato per offrire conoscenze gemmologiche e di mercato di base per i minatori artigianali: disponibile in inglese e Swahili della Tanzania, è stato preparato da un team del GIA che ha lavorato fianco a fianco con esperti di gemme colorate con una vasta esperienza di acquisto di gemme da zone rurali.

“Questo progetto è al centro stesso della missione del GIA – ha detto il presidente e Ceo dell’istituto Susan Jacques -. Stiamo portando una formazione pratica sulle pietre preziose nel cuore della catena di approvvigionamento, alle persone che possono beneficiare enormemente di una maggiore comprensione delle gemme che portano sul mercato”. Nel libretto viene trattata quasi ogni specie di gemma estratta in Africa orientale, insieme ad istruzioni grafiche su come preparare ed esaminare pietre grezze sotto diverse condizioni di luce utilizzando un vassoio trasparente incluso nel kit.

Il progetto, originariamente concepito dal ricercatore GIA James Shigley, è parte della mission dell’Istituto che consiste nel condividere le informazioni e le competenze relative al gioiello in tutta la catena di fornitura delle gemme. Il costo del progetto pilota, circa 120mila dollari, è stato sostenuto dal fondo di dotazione del Gia, che ha fornito il libretto e la formazione a costo zero. La guida resterà gratuita anche quando sarà ristampata e distribuita ad altri minatori in Africa Orientale entro la fine dell’anno.

A gennaio uno staff del GIA si è recato nella regione di Tanga per consegnare gli opuscoli ed effettuare attività di formazione a circa 45 donne-minatori della Tanzanian Association of Women Miners. “Poiché il libretto è molto intuitivo anche grazie alle spiegazioni in Swahili, i minatori immediatamente riconosciuto le applicazioni pratiche e i benefici di queste informazioni – ha detto Robert Weldon, direttore di fotografia e comunicazione visiva del Gia, che ha contribuito a sviluppare e testare la guida -. È stato incredibilmente appagante vedere come una vasta conoscenza condivisa del GIA possa avere un impatto così diretto sulla vita quotidiana dei minatori artigianali”.

L’ong Pact, organizzazione no-profit di sviluppo internazionale con sede a Washington, ha lavorato con diverse comunità prossime a miniere artigianali in tutta l’Africa per più di 15 anni. “C’è spesso un differenziale di conoscenza tra minatori artigianali e quelli lungo la catena di approvvigionamento – ha detto Cristina Villegas, responsabile del programma tecnico -. Questa nuova risorsa GIA aiuterà i minatori nelle zone rurali a comprendere meglio la qualità e il valore dei loro prodotti”.

 


1 commento

  1. Very nice,… –GO–>>

    …more …


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *