di


Stefano Fronza: il colore, indelebile interpretazione del suo segno

Una realtà dai nuovi criteri narrativi

Stefano Fronza

Dal dettaglio di uno scatto. E così che hanno inizio i lavori di Stefano Fronza, figlio di orafo ma con una differente concezione di gioiello che gli ha tributato due diverse borse di studio. A dominare è il colore, dirompente, fluttuante, magnetico come un’aurora boreale, su forme libere in un connubio che lascia immaginare la complessità del senso e la gestazione del gesto creativo. I suoi lavori svelano una bellezza esteriore ricca di valenze che invita ad indagare gli strati più profondi, dove convivono il pensiero, il segno e il loro tempo. Ogni oggetto è un mosaico di contenuti difficile da scomporre, diversissimi tra loro eppure in così stretto rapporto con la materia da generare emozioni.

L'Anfora a Venezia - spilla

L'Anfora a Venezia - spilla

Segni a Venezia - Orecchini

Segni a Venezia - Orecchini

La rinascita - spilla

La rinascita - spilla

Luce - spilla. ph. Nadia Baldo

Luce - spilla. ph. Nadia Baldo

Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

Che siano spille, orecchini o chissà cosa, il significato pare trasfigurato e inconsapevolmente l’attenzione di chi guarda si sposta sull’insieme, il segno originale e riconoscibile dell’artista.

@stefanogioielllifronza


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *