di


Sicurezza sul lavoro, tutti a scuola

Con l’approvazione da parte della Conferenza Stato Regioni delle Linee Guida sulla formazione dei dirigenti, lavoratori  e preposti e sulla formazione dei datori di lavoro RSPP (dando attuazione agli artt. 34 e 37 del d.lgs. 81/08), pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 18 agosto, si è completato il quadro sulla formazione obbligatoria per il personale aziendale in materia di sicurezza del lavoro. 

Le linee guida completano gli Accordi  Stato Regioni approvati il 21 dicembre 2011, i quali avevano regolamentato contenuti, durata e modalità della formazione e dell’aggiornamento sia per i datori di lavoro che svolgono direttamente il compito di responsabile del servizio di prevenzione e protezione sia per i lavoratori, prevedendo corsi specifici per preposti e dirigenti.

Cosa cambia rispetto al passato, con la piena attuazione delle previsioni degli artt. 34 e 37 del d.lgs. 81/08?

Mentre prima solo coloro che assumevano ruoli precisi – il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (ruolo generalmente svolto nelle piccole imprese dal datore di lavoro), il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, gli addetti al primo soccorso e quelli antincendio – dovevano sottoporsi ad un ciclo di formazione obbligatoria, da oggi in poi tutto il personale aziendale, dirigenti compresi, dovrà frequentare un corso di formazione il cui svolgimento dovrà essere documentato mediante registri o altri documenti. I corsi si potranno tenere anche in azienda, oppure in parte con modalità e-learning. I docenti dovranno avere una specifica esperienza didattica e professionale in materia di sicurezza sul lavoro.

 

Esenzioni: non devono frequentare i corsi tutti coloro (datori di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori) che possono comprovare di avere svolto, alla data dell’11 gennaio 2012, una formazione conforme ai criteri allora vigenti. Essi dovranno solo integrare la formazione già effettuata con le novità previste dalla nuova norma.

Vediamo ora contenuti e modalità di svolgimento dei corsi, a seconda delle figure professionali coinvolte, per quanto concerne le aziende del settore orafo

Premettiamo che la durata ed i contenuti dei corsi variano a seconda del livello di rischio nel quale è classificata l’attività aziendale: rischio basso, medio o alto.

 

Per quanto riguarda il settore orafo, la classificazione è la seguente:

–           Aziende commerciali al dettaglio ed all’ingrosso: rischio basso.

–           Aziende produttrici di gioielleria: rischio alto.

–           Il livello di rischio dipende comunque dalle mansioni svolte: in una fabbrica di gioielleria, gli impiegati amministrativi saranno considerati a rischio basso, mentre gli addetti alla produzione a rischio alto.

 

1.         Datori di lavoro che svolgono i compiti di RSPP

Durata

Rischio basso : 12 ore

Rischio alto : 48 ore

Contenuti:

Modulo 1. Normativo – giuridico (es. legislazione in materia di sicurezza, responsabilità civili e penali, tutela assicurativa, soggetti del sistema di prevenzione aziendale)

 

Modulo 2. Gestionale – gestione ed organizzazione della sicurezza (es. strumenti per la valutazione dei rischi, contenuti del documento di valutazione dei rischi, modelli di gestione della sicurezza)

 

Modulo 3. Tecnico – individuazione e valutazione dei rischi (es. fattori di rischio e misure tecniche, stress lavoro correlato, dpi, sorveglianza sanitaria)

 

Modulo 4. Relazionale – formazione e consultazione dei lavoratori (es. informazione, formazione e addestramento, tecniche di comunicazione, elezione o designazione e consultazione del  rappresentante dei lavoratori per la sicurezza)

 

Aggiornamento: L’aggiornamento ha periodicità quinquennale e ha una durata riferita ai livelli di rischio:

 

basso : 6 ore –  alto : 14 ore

 

2.         Dirigenti

La formazione per i dirigenti d’azienda ha una durata minima di 16 ore ed i medesimi contenuti sopra richiamati per il datore di lavoro RSPP.  L’aggiornamento è quinquennale con durata minima di 6 ore.

 

3.         Dipendenti

Si intendono per tali tutti i lavoratori presenti in azienda a qualsiasi titolo e con qualsiasi contratto, anche come collaboratori.

Durata: è prevista una formazione generale di 4 ore uguale per tutti i livelli di rischio ed una specifica di 4 ore per il rischio basso e 12 ore per il rischio alto.

 Contenuti:

Formazione generale: concetti generali in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro (es. concetto di rischio, danno, prevenzione, protezione, diritti e doveri, organi di vigilanza etc.)

Formazione specifica: i contenuti sono determinati in funzione dei rischi specifici del processo produttivo e delle mansioni proprie del settore cui l’azienda appartiene.

Aggiornamento: quinquennale con durata minima di 6 ore per tutti e tre i livelli di rischio.

4.         Preposti

I preposti seguono il percorso formativo dei lavoratori con un’aggiunta di 8 ore di approfondimento sui principi generali della sicurezza in azienda.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *