di


Sicurezza in negozio, in Lombardia nuovo bando da 1,5 milioni

Seconda edizione di “Impresa Sicura” per la prevenzione di furti, rapine ed atti vandalici: tra le aziende ammesse, produttori e commercianti di gioielli e orologi all’ingrosso e al dettaglio

Sicurezza-min

Scadono il 21 dicembre i termini per partecipare alla seconda edizione del “Bando Impresa Sicura promosso da Regione Lombardia e Sistema camerale lombardo nell’ambito dell’Accordo per la competitività. Il bando si pone l’obiettivo di promuovere la realizzazione di investimenti innovativi per la sicurezza e la prevenzione di furti, rapine ed atti vandalici, finalizzati a proteggere le micro e piccole imprese commerciali e artigiane dai fattori di rischio negli esercizi di vicinato. Le domande possono essere inoltrate a partire dal 14 novembre: le risorse complessivamente stanziate ammontano a 1,5 milioni di euro, di cui 1 milione stanziato da Regione Lombardia e 510mila euro stanziati dalle Camere di Commercio provinciali aderenti all’iniziativa.

Tra le aziende ammesse, micro e piccole imprese del commercio e dell’artigianato, con almeno un punto vendita ubicato in Lombardia e identificate tramite codice Ateco, figurano quelle che svolgono attività di: Fabbricazione di orologi, fabbricazione di oggetti di gioielleria e oreficeria e articoli connessi; fabbricazione di bigiotteria e articoli simili; commercio all’ingrosso di orologi e di gioielleria; commercio al dettaglio di orologi e articoli di gioielleria in esercizi specializzati; commercio al dettaglio di oggetti d’arte di culto e di decorazione, chincaglieria e bigiotteria.

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle sole spese considerate ammissibili al netto di IVA, nel limite massimo di 5.000 euro. Il contributo è al lordo della ritenuta di legge del 4% e che l’erogazione avverrà a saldo, previa verifica della rendicontazione presentata, al netto della suddetta ritenuta. Sono ammesse a contributo le spese per l’acquisto e installazione (ivi compresi montaggio e trasporto), al netto dell’IVA, di sistemi innovativi di sicurezza e dispositivi per la riduzione dei flussi di denaro contante come: sistemi di video-allarme antirapina, sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione, anche con allarme acustico; dispositivi antirapina consentiti dalle normative vigenti come nebbiogeni, tappeti sensibili, pulsanti antipanico, pulsanti e pedane antirapina; blindature; casseforti; sistemi antitaccheggio; metaldetector; serrande e saracinesche;  vetri, vetrine e porte antisfondamento e/o antiproiettile, inferriate e porte blindate; sistemi biometrici; telecamere termiche; sistemi di pagamento elettronici; sistemi di rilevazione delle banconote false; dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna; automazione nella gestione delle chiavi.

www.unioncamerelombardia.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *