di


Si spengono le luci sulla settimana della moda di Milano

Francesca Biondi

Si sono spenti i riflettori sulla settimana della moda di Milano e nella giornata conclusiva le ultime sfilate in passerella sono state quelle firmate dalla creatività di giovani emergenti.  Dopo 1a Classe Alviero Martini, hanno sfilato nell’ordine gli stilisti di N-U-De, Carta e Costura, Erkan Koru e i veri neofiti della passerella, ma la vera scoperta sono gli ‘under 30’ vincitori del concorso NEXT GENERATION indetto dalla Camera Nazionale della Moda Italiana: Francesca Biondi, Alessia Crea, Elena Leone e Giovanni Clemente. (Foto Camera Nazionale della Moda)

Francesca Biondi

La moda per Francesca Biondi non è bianca o nera ma preferibilmente grigia, come i suoi abiti della collezione A-I 2011/2012 che esplora ben 16 tonalità di questo colore. Abiti lavorati e impreziositi da un tocco di classe e originalità: gli accessori, borse geometriche e micro-cappellini che sembrano disegnati con matite.

Alessia Crea

Alessia Crea

Se fossero colori sarebbero toni pastello, se fosse una stoffa sarebbe impalpabile. Sono gli abiti proposti da Alessia Crea ispirati a feste religiose e ai loro personaggi. Una sfilata di abiti talari che si ripetono nelle linee e nei volumi tra magnificenza del velluto e leggerezza dello chiffon. Abiti completi che non richiedono l’uso di gioielli.

Elena Leone

Elena Leone

Elena Leone immagina una donna consapevole di sé e della sua femminilità. A volte è una guerriera determinata, altre volte si veste di abiti solenni “alleggeriti” da decorazioni tulle e collari di stoffa multigiro.

Giovanni Clemente

Infine, ispirazioni anni ’20 per Giovanni Clemente che si mescolano agli ambienti jazz. Abiti non sagomati con pellicce voluminose, minigonne a balze su top asimmetrici.

Giovanni Clemente

“Con questa edizione di Milano Moda Donna – ha commentato Mario Boselli, Presidente di CNMI – abbiamo confermato le grandi novità di settembre, potenziandole con un’ulteriore apertura verso la città. Un calendario di 7 giorni pieni e una nuova sala allestita in Piazza Duomo, nel cuore di Milano, che ha affascinato tutti raccogliendo un consenso unanime e ospitando 7 sfilate. Gli stilisti hanno dato il meglio e la città ha risposto con grande entusiasmo, contribuendo a realizzare una delle edizioni più dinamiche degli ultimi tempi. A ulteriore conferma di ciò, molti addetti ai lavori mi hanno fatto notare che, purtroppo, è già finita!”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *