di


Settimana della legalità, contraffazione in calo per gioielli e orologi

La diminuzione nel comparto è costante: si passa del 29,2% del 2013 al 32,3% del 2015. Aquilino (Federpreziosi): Liberiamo le imprese dai fenomeni criminali

legalità

Si è conclusa la Settimana della legalità lanciata a livello nazionale da Confcommercio e, anche se i fenomeni criminali che ricadono sulle imprese continuano a alterare l’andamento del mercato, i dati raccolti da un’indagine svolta in collaborazione con Format Research segnalano una diminuzione di alcuni reati – come la contraffazione – nel settore di gioielli e orologi.  In generale, nel 2015 si manifestano i primi se pur deboli segnali di miglioramento rispetto al 2014 con un -1,2%.

Iniziata il 18 Novembre e culminata mercoledì 25 nella Giornata Nazionale “Legalità. Mi piace!”, la settimana di mobilitazione per analizzare e denunciare l’entità e le conseguenze dei fenomeni criminali sull’economia reale e sulle imprese promossa dalla Confederazione sui social network ha visto coinvolte tutte le Federazioni nazionali e le Associazioni Provinciali e territoriali del sistema confederale.

Giuseppe_Aquilino“Anche la nostra categoria – dichiara il presidente di Federpreziosi Giuseppe Aquilino (in foto a sinistra) – subisce, come emerso dall’indagine, pesanti ripercussioni, con riduzione dei ricavi e del fatturato e, di conseguenza, ridotte disponibilità per mantenere i livelli occupazionali all’interno delle aziende o per investire in servizi e innovazione. E qui mi riferisco a tutte le forme illegalità, dall’abusivismo, alla contraffazione, ai comportamenti illeciti nel commercio di oro, alla ricettazione, alla violazione delle leggi di Pubblica Sicurezza, alla mancanza dell’obbligo di una corretta denominazione per quanto riguarda i materiali gemmologici”.

L’analisi del profilo dei consumatori “illegali”, dei dati relativi ai beni e ai servizi acquistati illegalmente e degli effetti sulle imprese, indica una significativa contrazione per quanto riguarda alcune categorie tra cui i “preziosi”, a fianco di quelle di prodotti potenzialmente pericolosi per la salute, come farmaceutici e alimentari.  Al contrario, fra i prodotti contraffatti maggiormente acquistati salgono abbigliamento, calzature e pelletteria. Per quanto riguarda orologi/gioielli/occhiali, la diminuzione è costante: si passa del 29,2% del 2013 al 33% del 2014 al 32,3% del 2015.

“Nella sua estrema sintesi – sottolinea Aquilino – lo slogan dell’iniziativa riassume tutta la grave portata dei comportamenti fuori dalle regole: L’illegalità distrugge il lavoro di tanti imprenditori. Liberiamo le imprese del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti dai fenomeni criminali. Per un’economia più sana e più forte, per un Paese più civile”.  In generale (il 71% del campione intervistato), il fattore che spinge il consumatore all’acquisto di prodotti e di servizi illegali è quello economico, anche se, al contempo, cresce la consapevolezza per quanto riguarda i rischi per la salute (80% contro il 71% del 2014) e la sicurezza (66,2% rispetto al 63,3 del 2014). Molto positivo il dato che si riferisce al livello di informazione: sette consumatori su dieci si dichiarano informati del rischio di incorrere in sanzioni amministrative e un consumatore su due ha letto, visto o ascoltato campagne di sensibilizzazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *