di


San Valentino, i consigli del Gia per acquistare preziosi

Manca meno di un mese a San Valentino e se le gioiellerie hanno già fatto “rifornimento” per la festività cara agli innamorati, il consumatore ha ancora un po’ di tempo per scegliere tra le tante proposte in vetrina. Il Gia – Gemological Institute of America diffonde così sei suggerimenti per effettuare l’acquisto giusto (un gioiello, ovviamente) per il proprio partner. È stato infatti calcolato che anche a fronte della crisi il 10% delle vendite di gioielli e pietre preziose avviene proprio in occasione della “festa di Cupido”.

Ma proprio perché la spesa nel lusso è sempre più contratta, è giusto effettuarla in modo consapevole: ecco perché il Gia ha diffuso, insieme all’International Diamond Grading System, una sorta di guida per scegliere il gioiello ideale. Prima regola: informarsi. La familiarità con i concetti delle 4C (taglio, carato, chiarezza e colore) è un elemento essenziale per determinare il valore di una pietra: dal carato (una graffetta ne pesa due) alle inclusioni, dall’indicazione del colore (dalla D alla Z) al taglio, che si riferisce al complesso rapporto del diamante con la luce. Un aiuto può venire dall’App per iPad che il Gia ha recentemente predisposto, scaricabile gratuitamente.

Il secondo passo per non incorrere in un acquisto incauto riguarda il venditore: scegliere sempre un gioielliere professionista e qualificato. “I consumatori dovrebbero selezionare la gioielleria con la stessa cura riposta nella scelta di un avvocato o di un medico”, si legge tra le regole del Gia. Assicurarsi dunque della serietà, delle credenziali e dell’eventuale appartenenza ad associazioni di categoria.

Terzo punto: richiedere un “grading report” indipendente per le pietre che ne indichi la qualità (se si tratta di pietra naturale o sintetica, se è stata trattata etc). Il quarto consiglio riguarda la possibilità di far valutare la pietra e assicurarla. Ancora: il Gemological Institute of America ricorda che è possibile anche acquistare soltanto la pietra e farla montare in un secondo momento insieme al fortunato destinatario del regalo.

Ultimo suggerimento per non sbagliare: considerare le alternative al diamante. Ci sono tante altre gemme colorate e anche perle che possono rendere unico un gioiello per un’occasione speciale, come ci dicono le ultime tendenze Vip: basti pensare all’anello di fidanzamento che il principe William ha regalato alla futura consorte Kate Middleton, in zaffiro e diamanti.

Nella foto d’apertura, una proposta di Pasquale Bruni per San Valentino


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *