di


Salvatore Ferragamo sempre più “green”

Pubblicato per il secondo anno consecutivo il bilancio di sostenibilità dell’intero gruppo: l’attenzione alla responsabilità sociale dell’azienda va dalla produzione al retail

Salvatore Ferragamo_Boutique-min

È sempre più forte l’anima “green” di Salvatore Ferragamo, che per il secondo anno consecutivo ha realizzato il Bilancio di Sostenibilità esteso all’intero gruppo. Il documento, che assume anche la valenza di Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario (DNF), ai sensi del Decreto Legislativo n. 254/2016, è stato redatto sulla base dei Sustainable Development Goals (SDGs) promossi dalle Nazioni Unite per favorire lo sviluppo sostenibile e minimizzare gli impatti sul pianeta ed individua 6 macro aree principali da implementare nell’arco di 3 anni: Persone; Made in Italy; Prodotto e rapporti con i fornitori; Territorio e Cultura; Ambiente.

“Nel 2017 il nostro commitment si è rafforzato con l’adozione di un Piano di Sostenibilità triennale legato a precisi obiettivi e la formalizzazione di una policy che stabilisce le linee guida di comportamento volte alla diffusione di una cultura aziendale – commenta Ferruccio Ferragamo, Presidente del Gruppo -. In una logica di trasparenza verso gli stakeholder vogliamocondividere non solo i traguardi raggiunti, ma anche lesfide che ci aspettano e gli obiettivi futuri. Grazie alle persone e alla loro positività, il valore della sostenibilità si è diffuso ed è oggi al centro delle strategie di sviluppo della nostra Azienda. I nostri collaboratori costituiscono l’essenza stessa del Brand e per questo siamo impegnati a esaltarne professionalità e individualità, offrendo loro opportunità di crescita, benessere e rispetto”.

A testimonianza dell’impegno assunto nei confronti della salute e della sicurezza delle persone, nel 2017 il Gruppo ha ottenuto la certificazione OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series) per tutte le sedi industria e per gli store italiani, e ha pianificato di estendere nei prossimi anni il perimetro della certificazione.

“Crediamo nel nostro territorio, sinonimo di storia e cultura, e nei suoi giovani talenti, in grado di trovare soluzioni ai problemi attuali e innovare il patrimonio creativo italiano – aggiunge il Presidente -. In linea con il DNA di Ferragamo, vogliamo quindi valorizzare il passato e il futuro della tradizione italiana, da una parte finanziando restauri di importanti opere d’arte, come la Fontana del Nettuno in Piazza della Signoria a Firenze, e dall’altra promuovendo la sperimentazione su materiali sostenibili, nel costante rispetto del Made in Italy e in linea con lo spirito innovativo del Fondatore”.

Quanto alla tutela ambientale, il Gruppo ha sostenuto investimenti volti alla riduzione dei consumi e all’ottenimento di importanti certificazioni ambientaliper le proprie strutture, con l’intento di minimizzare gli impatti ambientali connessi allo svolgimento delle attività aziendali. Lo testimoniano il nuovo Polo Logistico, in costruzione presso la sede di Osmannoro (Firenze), progettato secondo standard di efficienza che permetteranno l’ottenimento della certificazione LEED Platinum, e il laboratorio di Modelleria e prototipia per i prodotti di pelletteria donna e uomo, inaugurato lo scorso novembre. Si tratta di un centro artigianale d’avanguardia ospitato in un immobile che ha beneficiato di un articolato intervento di riqualificazione e riconfigurato perseguendo il contenimento di consumi ed emissioni, l’ottimizzazione degli assorbimenti energetici e l’implementazione di energie rinnovabili, grazie anche alla presenza di una nuova installazione fotovoltaica.

L’impegno per la sostenibilità ha coinvolto nel 2017 anche l’area retail: a ottobre lo storico store di Canton Road ad Hong Kong ha ottenuto la certificazione LEED Gold, seguito a dicembre dello store di Troy nel Michigan con la certificazione LEED Silver. Lo scorso novembre, inoltre, Salvatore Ferragamo ha aderito all’Alleanza per l’Economia Circolare, che vede coinvolta, come capofila per ciascun settore, un’azienda italiana protagonista a livello internazionale e già fortemente impegnata sul tema.

“Mio padre diceva che c’è sempre qualcosa di più bello e di più perfetto da creare – conclude il presidente del Gruppo –. Per noi questa affermazione è un incitamento a migliorarci continuamente e ad alzare sempre più gli standard di riferimento, per promuovere ogni giorno un business responsabile basato sul rispetto per le persone, il territorio, l’ambiente e la comunità”.

csr.ferragamo.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *