di


Roosengaarde:“La notte dormi?” “No, sogno” E dall’aria inquinata nascono gioielli

foto3
Interessante come i gioielli continuino a farsi simbolo di qualcosa di vitale per l’uomo nei modi più impensati e visionari: ricordate i diamanti nati dalle ceneri del caro estinto? Ora è il sogno di un mondo più pulito che dà letteralmente vita a gioielli in cui arte, tecnologia e poesia si incontrano.

foto4
Ne è un esempio il progetto di Dan Roosegaarde, l’artista olandese considerato grande innovatore, che ha di recente goduto di attenzione mediatica grazie alla sua pista ciclabile notturna “Van Gogh Path” completamente lastricata da piastrine illuminate. Tra le idee di futuro il tecno-designer mette ai primi posti il concetto di ‘condivisione’. E, sì, qualunque oggetto ideato da un designer potrà essere frutto di questo pensiero, gioielli compresi.

A colpire sono le radici estese del suo progetto “Smog Ring” (già raccontato da Maria Rosaria Petito in Preziosa Magazine, n.3/2014), il prodotto finale di un lavoro più ampio basato sull’idea che il design debba influenzare al meglio la vita della gente, un lavoro che Roosegaarde ha presentato a Milano in un incontro organizzato da Meet The Media Guru, scegliendo la Design Week come momento di lancio dei suoi progetti più significativi.

foto1
In un parco di Pechino, tra le città più inquinate al mondo, verrà installata una struttura che grazie ad un sofisticato macchinario basato su tecnologia a ioni aspira lo smog nell’area creando un vero e proprio ‘buco di aria limpida’, uno squarcio nella cortina grigia di smog, attraverso il quale è possibile vedere il cielo e il sole brillare tra le nubi.

foto2
Conclusa questa operazione si depositano nella macchina grandi quantità di polveri, in pratica micro-particelle di carbone. Cosa farne se non qualcosa di prezioso? In un futuro ideale, non esistono rifiuti, tutto si ricicla. Ecco allora che il precipitato viene pressato e modellato dando vita a gioielli in serie limitata (per evitare che nell’inquinare il pianeta ci si prenda ancora più gusto…) che saranno messi sul mercato in Cina nel 2016. E parlando di creazioni che avranno una storia da raccontare, questa non sembra male. “Stiamo dando vita al parco più pulito della città – dice Roosegaarde – e invitiamo le persone a sperimentare di persona quella che potrebbe essere la loro realtà futura. Il parco smog free produce polveri sufficienti a realizzare 3.700 smog ring al giorno. Una sorta di incentivo di massa per convincere la gente di quanto sia importante raggiungere il nostro obiettivo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *