di


Rolex per il secondo anno in cima al Reputation Index

Anche nel 2016 il brand di alta orologeria si era classificato primo nel  Global RepTrak® 100 che misura il legame azienda-consumatore: assente dalla lista la gioielleria

rolex_manifattura-compressor

Un’altra volta sul podio del Global RepTrak® 100 redatto dal Reputation Institute: anche il 2017 incorona Rolex come il brand che ha saputo più di altri stringere un legame profondo con il proprio pubblico, un legame fatto, tra i tanti fattori, di trasparenza e impegno verso la società e l’ambiente. Il marchio di alta orologeria, tra l’altro, ha ulteriormente migliorato il punteggio 2016 che, per la prima volta, supera la soglia degli 80 punti, facendolo rientrare nella categoria ‘eccellente’.

Tra i primi dieci della lista, sette rappresentano aziende produttrici di beni di consumo: in calo Google, giù dal 3° al 5° posto, e così Microsoft (11esimo) e Apple (20esimo). Assente dalla classifica il mondo della gioielleria, mentre qualche posto viene guadagnato dalla moda e dall’accessorio: Levi Strauss è 14esimo, Giorgio Armani è 28esimo con 4 posizioni conquistate, Hugo Boss e Ralph Lauren sono rispettivamente al 43esimo e 45esimo posto. Zara chiude la classifica del segmento fashion al 92esimo posto.

reputation-institute_global100-topten-twitter-compressor

L’indice si basa su oltre 170.000 voti raccolti nel primo trimestre del 2017 in 15 Paesi, tra cui Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Italia, Giappone, Messico, Russia, Corea del Sud, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti: si tratta del più grande studio di reputazione aziendale del suo genere, e include valutazioni comparative e tendenze così come la fiducia e i comportamenti di supporto come la volontà di acquistare i prodotti di una società, di raccomandare il marchio, di investire o anche di lavorare per l’azienda.

“Il Global RepTrak® 100 accende i riflettori sulle aziende che comprendono a fondo come rafforzare il legame emotivo con le parti interessate nei mercati in cui operano – ha detto Michele Tesoro-Tess, socio esecutivo di Reputation Institute -. Quest’anno la Top 10 vede  aziende provenienti da diversi settori: la reputazione è un asset per qualsiasi industria e le aziende dovrebbero costantemente investirci”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *