di


Rio Tinto a New York con la collana Origins of Argyle

Debutto statunitense per il gioiello su cui sono montati diamanti champagne e cognac della miniera australiana in omaggio al legame tra i due paesi

Rio Tinto_diamanti_OriginsofArgyleNecklace-min
Il collier “The Origins of Argyle” in mostra a New York

Diamanti champagne e cognac estratti dalla miniera di Argyle di Rio Tinto: sono i protagonisti del collier di alta gioielleria esposto a New York per celebrare i legami tra Stati Uniti e Australia. La collana “Origins of Argyle” presenta più di 45 gemme a cascata tra diamanti cognac e champagne e 3,55 carati di diamanti bianchi, sempre provenienti da Argyle, nella remota regione orientale di di Kimberley dell’Australia Occidentale.

Sul retro della collana, sono incise le coordinate geografiche della miniera. “I diamanti Argyle sono eticamente estratti e lavorati nel rispetto di una chain of custody ininterrotta da un angolo remoto dell’Australia – ha detto Jordon Fine, presidente di JFine Inc. e proprietario del collier “The Origins of Argyle”e sono fonte di attrazione in tutto il mondo. Siamo stati felici di lavorare con queste gemme per creare un gioiello che riflette il loro bellissimo patrimonio”.

Il collier è uno dei 31 pezzi della mostra newyorchese che mette insieme oltre 60 milioni di dollari di diamanti Argyle, in un’esclusiva gamma di colori: rosa, rosso, blu, viola, champagne e bianchi. Il mercato statunitense per i diamanti di Argyle è cresciuto in maniera significativa negli ultimi tre decenni, grazie a una forte rete di designer attratti da queste pietre. L’esposizione coincide con il 2017 Argyle Pink Diamonds Tender, la mostra itinerante con i più rari diamanti di Argyle: il tour, partito in anteprima da New York, proseguirà a Hong Kong e Perth.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA