di


Richemont in calo: cambi al vertice in vista

Il terzo trimestre del 2016 chiuso a -13%, utile netto giù del 51%. Il presidente Rupert annuncia il giro di poltrone tra pensionamenti e nuove nomine

richemont-compagnie-financiere

Non è stato un buon trimestre per il gruppo del lusso Richemont: al 30 settembre, le vendite sono risultate in calo del 13% a cambi effettivi (5086 milioni di euro) e del 12% a cambi costanti. A livello globale, hanno resistito bene Giappone ed Europa, e non si è arrestato lo slancio positivo della Cina. Malgrado ciò, l’utile operativo è diminuito del 43% e l’utile netto del 51% a 540 milioni di euro. A influire sulla performance, il brusco calo delle maison di orologeria, settore che ha subito una forte contrazione a livello globale.

Contestualmente all’annuncio dei dati del trimestre, il Cda e il Comitato per le Nomine hanno annunciato un’importante serie di cambi al vertice nei ruoli strategici del gruppo, anche in vista di alcuni pensionamenti di dirigenti chiave. Riformulata la composizione del Consiglio stesso, dal momento che la Compagnia si è detta consapevole che le tecnologie in rapida evoluzione stanno sfidando i modelli di business tradizionali.

Richard Lepeu, attuale Amministratore Delegato, ha annunciato l’intenzione di andare in pensione a partire dal 31 marzo 2017, quando avrà raggiunto l’età pensionabile. Gary Saage, Chief Financial Officer, si riunirà invece alla sua famiglia negli Stati Uniti e si ritirerà dall’attuale ruolo a partire dal 31 luglio 2017. Il Consiglio ha pertanto deciso di ristrutturare i ruoli di senior management del Gruppo.

richemont_rupert-johann-2004
Johann Rupert

“Presentiamo una serie di modifiche al modo in cui il Gruppo operaha detto il presidente del gruppo Johann Rupert, modifiche che entreranno in vigore il prossimo anno. Da un lato il ritiro di alcuni dei nostri colleghi più anziani, dall’altro cambiamenti che rafforzeranno la capacità del Gruppo di rispondere ai mercati dinamici in cui operiamo, in particolare nel marketing digitale e nell’e-commerce. I nostri membri del consiglio andranno in pensione, ma non perderemo le loro competenze. Richemont ha beneficiato della loro saggezza e non vediamo l’ora di continuare a lavorare con tutti loro a titolo consultivo. In questi tempi difficili, il loro contributo continuerà ad essere molto apprezzato”.

Rupert rimarrà presidente esecutivo del gruppo, mentre al meeting generale annuale che si terrà a settembre 2017 saranno annunciate le nomine dei seguenti dirigenti: Nicolas Bos, che si unirà al Cda nella sua qualità di amministratore delegato di Van Cleef & Arpels; Burkhart Grund, attualmente Deputy Chief Financial Officer, diventerà Direttore finanziario.

Georges Kern, attualmente CEO di IWC Schaffhausen, sarà il responsabile di Orologeria, Marketing e Digitale; Jérôme Lambert, Amministratore delegato di Montblanc, diventerà responsabile Operazioni per le aree centrale e regionali per tutte le maison escluse gioielleria e orologeria. In pensione dal Consiglio di Amministrazione di Richemont andranno: Yves-André Istel, Bernard Fornas, Richard Lepeu, Simon Murray, Norbert Platt, Lord Renwick di Clifton, il professor Juergen Schrempp e il Duca di Wellington.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *