di


Richard Mille al SIHH 2018 con l’RM 07-01

RM 07-01 Ceramique sertie-minAll’interno è alloggiato il calibro di manifattura CRMA2 a carica automatica, con platina e ponti realizzati in titanio grado 5, corredato da rotore in oro rosso 5N a 18K a geometria variabile, per adeguare la velocità di ricarica al livello di attività di chi lo indossa.
Fin qui il fascino meccanico dell’RM 07-01, ultimo nato della Richard Mille, in partenza per Ginevra dove sarà presentato in gennaio all’edizione 2018 del SIHH. La seduzione autentica inizia invece con la superba architettura esterna, in ceramica nera con pietre preziose. A dirla tutta, tra esterno ed interno non c’è mai confine netto, lo stesso quadrante in oro rosso 5N con onice nera e diamanti aleggia al centro tra i ruotismi del movimento, oltre il quale riprende la carrellata generosa di diamanti taglio brillante in castoni ancora di oro rosso.
Dopo aver lavorato sull’incastonatura di pietre preziose sul Carbonio TPT® -spiega Cécile Guenat, responsabile del settore orologi-gioiello della Maison-, abbiamo voluto estendere questa tecnica innovativa a nuovi materiali. E’ stato naturale orientarci verso la ceramica, perché non era mai stato fatto prima in orologeria. Non c’è più nessuna difficoltà nell’incastonare i diamanti grazie al sistema di lavorazione che prevede un mitragliamento diretto del materiale”.
La finitura opaca della ceramica nera TZP è ottenuta grazie a particolari procedimenti con macchine utensili e micropallinatura, successivamente il rifinitore interviene manualmente per le aree lucide di lunetta e fondello. Possono infine fronteggiarsi il nero profondo della ceramica e lo scintillio dei diamanti, in un contrasto irresistibile, sfruttato con aristocratica perizia.

www.richardmille.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *