di


Ragusa, successo per il corso di aggiornamento in gemmologia

Sala piena per il corso di aggiornamento in gemmologia organizzato nella sede Ascom a Ragusa. Ieri mattina numerosi partecipanti hanno preso parte all’iniziativa promossa dall’Associazione provinciale gioiellieri aderente alla Federazione nazionale dettaglianti orafi Confcommercio.

«Gemme: il panorama commerciale attuale»: questo il tema del seminario organizzato in collaborazione con Cisgem e tenuto da Antonello Donini e Maurizio Spoldi, responsabile laboratorio e responsabile commerciale del laboratorio gemmologico di Milano.
Diamanti, rubini, smeraldi, zaffiri : al centro dell’intervento dei due relatori, del Centro informazione e servizi gemmologici della Camera di commercio di Milano e dell’Associazione orafa lombarda, le informazioni indispensabili per la conoscenza delle gemme più importanti.

Vincenzo Buscemi

«È la prima volta che portiamo a Ragusa un’esperienza come questaspiega il presidente del sindacato provinciale Vincenzo Buscemi, che ricopre anche il ruolo di coordinatore nazionale della commissione Formazione di Federdettaglianti -. Ci siamo voluti spendere in questa direzione perché siamo convinti che soltanto così si potranno vincere le sfide del futuro in un campo in cui la professionalità e le conoscenze di settore devono rimanere al primo posto».

Soddisfatto anche il presidente provinciale di Confcommercio, Angelo Chessari: «Un appuntamento di indubbio spessore e lo testimoniano le numerosissime presenze. Segno che ci si vuole confrontare e si vuole migliorare. Nel pieno rispetto delle esigenze della clientela».

Ha apprezzato la collaborazione con Cisgem anche il delegato per la Formazione di Confcommercio provinciale, Antonio Prelati. «Donini e Spoldi – ha sottolineato – si sono soffermati su informazioni e notizie che chi opera in questo campo dovrebbe assolutamente avere a disposizione per poter contribuire ad assicurare risposte adeguate ai consumatori, alla clientela. Lo sforzo che stiamo facendo è proprio profuso in questa direzione».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *