di


Punti vendita Morellato nel mondo, entro due mesi saliranno a quota 200

Il gruppo italiano punta molto sulla Cina, dove è gestito da management locale e al femminile.Fatturato 2012 chiuso a 190 milioni di euro

Ad aprile, grazie a nuove aperture in Cina, toccherà i 200 punti vendita: Morellato, brand di gioielleria e orologeria e grande produttore di continurini, si espande sempre più nel mercato dell’Estremo Oriente. E non è tutto: entro fine anno la quota raggiunta tra negozi diretti e punti di distribuzione in multibrand arriverà a 310. Lo ha raccontato Massimo Carraro, amministratore di Morellato Group, in un’intervista rilasciata a Repubblica.

Il gruppo — che tra i propri marchi collocati sul mercato internazionale annovera Morellato, Sector, Philip Watch, Chronostar e brand in licenza tra cui Just Cavalli, John Galliano, Maserati e Miss Sixty — è sbarcato in Cina nel 2005 con un partner di Pechino, poi è stato il tempo della “Morellato Shanghai“, controllata al 100% dalla casa madre italiana, ma “con un management tutto cinese. E tutto di donne”, ha spiegato Carraro, che ha proseguito:  “Prima dell’estate inaugureremo un monomarca a Abu Dhabi. In parallelo continuiamo a investire nella distribuzione multibrand che oggi, proprio nel Middle East ci vede presenti nelle migliori gioiellerie e nei luxurymall”.

L’Italia non resta comunque fuori da questo boom del gruppo: un Morellato Store è stato recentemente aperto a Milano e un altro è in programma a Roma. Il boom, però, parla soprattutto estero: l’espansione a livello internazionale è ormai il 40% del giro d’affari. Il fatturato 2012 è stato chiuso a 190 milioni di euro, in linea con il risultato del 2011.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *