di


Produttori e top buyer di nuovo insieme a Incontri d’Autunno

Tornano dal 16 al 18 ottobre i workshop organizzati da Arezzo Fiere e Congressi per un calendario programmato di appuntamenti

Tornano dal 16 al 18 ottobre i workshop di “Incontri d’autunno”, evento organizzato da Arezzo Fiere e Congressi per far incontrare produttori e buyer in modo mirato e programmato.  La location è il polo fieristico che nell’ultimo biennio ha vissuto un rinnovamento profondo (a marzo inaugurato il nuovo auditorium dal presidente Andrea Sereni insieme al Sindaco del Comune di Arezzo Giuseppe Fanfani, al presidente della Provincia Roberto Vasai e al presidente della Camera di Commercio di Arezzo Giovanni Tricca). Protagoniste le aziende che hanno partecipato come espositori a Oroarezzo e che si troveranno faccia a faccia con top buyer selezionati da mercati di sbocco tradizionali per il distretto, come Stati Uniti, Hong Kong, Dubai e l’area del Medio Oriente, ma anche emergenti.

Ogni impresa potrà incontrare una decina di buyers, in un fitto calendario di incontri prefissati con e per le aziende, per un totale di oltre 1.200 appuntamenti programmati sulla base delle indicazioni dei compratori internazionali, informati preventivamente delle caratteristiche delle diverse realtà partecipanti.

“Si tratta di una importante occasione di business – sottolinea Raul Barbieri, direttore di Arezzo Fiere e Congressi (nella foto a sinistra) – che potremmo definire “concentrata”. In soli due giorni, infatti, le Aziende incontrano un numero di buyers provenienti da mercati diversi e distanti fra loro. Una forma di ottimizzazione di spazio, tempo e costi che Arezzo Fiere e Congressi offre alle aziende che, diversamente, sarebbero costrette a viaggi onerosi e dilatati nel tempo, per concretizzare ogni singolo contatto”.

“Un passo avanti – conferma Andrea Sereni (nella foto a destra), presidente di Arezzo Fiere e Congressi – per individuare nuove realtà produttive che si rivolgono al polo fieristico aretino. Le attività collaterali ad OroArezzo, come appunto Incontri d’Autunno, ma anche i prossimi eventi del 4 e 5 novembre Last Minute e Bi-Jewel,  sono una testimonianza del concreto e continuativo sostegno della Fiera alle Aziende del comparto orafo aretino”.

Sono 50 i buyers – aggiunge Raul Barbieri – selezionati tra i più importanti players mondiali del settore, anche su segnalazione degli stessi imprenditori orafi. Al resto pensa tutto Arezzo Fiere e Congressi. Sono gli stessi buyers, dopo avere esaminato il catalogo, a scegliere con quali aziende rapportarsi. Questo ci consente di far incontrare produttori e acquirenti secondo una logica precisa e non affidandosi al caso come spesso avviene negli eventi fieristici. Una garanzia, almeno in teoria, per la buona riuscita del contatto con una possibile conclusione di affari. Le impressioni degli operatori sono molto positive e dimostrano che per superare l’attuale crisi si debba puntare molto su iniziative finalizzate e attentamente curate”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *