di


Premio Internazionale Mario Pinton I edizione

Tra le iniziative più meritevoli dedicate alla Padova del Trecento e alla Signoria dei da Carrara c’è questa mostra/concorso di gioielleria contemporanea voluta dall’Amministrazione Comunale per ricordare il maestro Mario Pinton, docente dell’Istituto d’Arte “P. Selvatico” nonché fondatore della Scuola Orafa Padovana. Una prima edizione che si ispira ai quattro elementi rappresentativi della civiltà del ‘300 padovano (castelli, miniature, astri ed alchimia) alla quale prendono parte oltre sessanta artisti orafi di fama internazionale, provenienti da tutto il mondo (Italia, Germania, Austria, Francia, Spagna, Portogallo, Olanda, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Australia, Estonia) ed una nutrita rappresentanza di orafi padovani che operano secondo la filosofia della Scuola Orafa Padovan. L’artista Francesca Canapa partecipa con l’opera “Omaggio a Guariento”. I gioielli realizzati dagli artisti esprimono un linguaggio contemporaneo ispirato all’età medievale ed alle sue atmosfere. L’opera vincitrice rimarrà al Comune di Padova e andrà ad arricchire le collezioni di Arte Contemporanea dei Musei Civici.

“Anche con questa mostra-concorso – afferma Andrea Colasio, Assessore alla Cultura del Comune di Padova – a distanza di molti secoli, lo stesso ruolo di protagonista rivestito da Padova nel Trecento, grazie ad una signoria illuminata, viene ora assunto da una città moderna, culturalmente e tecnologicamente avanzata, ma con la stessa genialità creativa e operativa, che nell’arte orafa ha trovato la sua forma di espressione artistica più alta.”

“Con il Premio Mario Pinton – prosegue Mirella Cisotto, curatrice della Mostra – Padova rende omaggio alla propria Scuola orafa e segna un ulteriore accrescimento del suo ruolo nella gioielleria internazionale.”
La mostra, inserita in UNIVERSI DIVERSI. Arte e scienza tra sacro e profano, è ad ingresso gratuito e resterà aperta fino al 17 luglio dalle 9.30 alle 12.30  e dalle 15.30  alle 19.00  tranne i lunedì non festivi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *