di


Premi per la ricerca scientifica, i brand puntano sull’innovazione

La ricerca e l’innovazione sono la base per la ripresa dell’economia: lo dimostrano a suon di iniziative i grandi brand dell’orologeria. Risale al 1948 il premio introdotto da Vacheron Constantin per riconoscere i migliori talenti nella ricerca in campo astronomico, fisico e matematico, per incoraggiare gli studenti delle Facoltà dell’Università di Ginevra a puntare il loro lavoro sulla ricerca scientifica: quest’anno l’Award è stato assegnato al dott. Pierre Béjot per la sua tesi di dottorato in Scienze (foto d’apertura).

La consegna del riconoscimento è avvenuta la scorsa settimana presso la Manifattura Vacheron Constantin a Plan-les-Ouates, alla presenza del direttore dello stabilimento Steven Haefeli, Jean-Dominique Vassalli, Rettore dell’Università di Ginevra, del Prof. Martin Pohl, presidente della sezione di Fisica, di Sébastien Knop, direttore della Comunicazione per Vacheron Constantin e di Philippe Griot, responsabile Qualità del marchio. “Trofeo” speciale del premio, un orologio della collezione Overseas. Il “Vacheron Constantin Award” affonda le proprie radici nella storia del brand ad opera dell’inventore orologiaio Jean-Marc Vacheron : è il produttore più antico la cui origine risale al 1755.

Grande successo anche per il concorso lanciato da Rolex, gli Award for Enterprise 2012: chiuse le iscrizioni a fine maggio, sono state presentate oltre 3500 domande di partecipazione, circa il doppio rispetto alle precedenti edizioni. Istituito nel 1976, il programma filantropico internazionale patrocinato dalla maison ginevrina è volto a premiare progetti finalizzati a migliorare la vita sul nostro pianeta.

“La grande partecipazione a un progetto dedicato alle problematiche delle energie rinnovabili e della biodiversità – ha commentato Rebecca Irvin, direttore del Rolex Institute – è piuttosto significativo”. Uno dei motivi del record di domande sta anche nella semplificazione delle candidature: rispetto agli anni precedenti, inoltre, si è abbassata l’età media dei partecipanti (da 46 a 41 anni); è salita la percentuale di donne (dal 23% al 28%) e i paesi di provenienza dei candidati sono saliti da 126 a 154 (la crescita è dovuta anche ad una maggiore adesione nei paesi in via di sviluppo). Tra i dieci paesi con il maggior numero di candidature figura anche l’Italia (101 domande): gli altri sono nell’ordine Stati Uniti (425), India (209), Gran Bretagna (141), Colombia (118), Cina (110), Messico (107), Nigeria (103), Argentina (102), Kenya (102). I candidati under 30 rappresentano il 25% del totale.

La premiazione del vincitore avverrà ad opera di una giuria nella quale figureranno scienziati, esploratori e ambientalisti: la sua composizione sarà annunciata il prossimo settembre. Successivamente, si riunirà nella sede centrale di Rolex a Ginevra e i vincitori saranno resi noti nel 2012 con una cerimonia ufficiale di premiazione.

Premiazione al Vacheron Constantin Award

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *