di


Pitti Uomo scalda i motori: martedì si parte

Dal 13 al 16 giugno oltre 1220 marchi pronti a svelarsi a Fortezza da Basso tra eventi, sfilate, mostre e business: 60mila metri quadrati di moda a Firenze

Pitti Uomo_NWS_numeri_rientri-min

Sta per tornare la piattaforma più importante a livello internazionale per le collezioni di abbigliamento e accessori uomo: 60mila metri quadrati di moda andranno in scena a Pitti Uomo, in calendario dal 13 al 16 giugno a Fortezza da Basso a Firenze. Circa 1.220 marchi e collezioni presenti in questa edizione, dei quali 540 provenienti dall’estero (il 44,2% del totale) e 220 tra nomi nuovi e rientri. Quindici le tappe in cui si articola il percorso nel fashion maschile: Pitti Uomo, Make, Pop Up Stores, Eye Pop, Fashion At Work, HI Beauty, Futuro Maschile, Touch!, l’Altro Uomo, Born in the USA, Unconventional, Open. I Play, Urban Panorama, My Factory. Questa edizione di Pitti Immagine Uomo beneficia del contributo straordinario di MiSE e Agenzia ICE, nell’ambito del Piano Triennale 2015-2017 promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico a sostegno delle fiere italiane e del Made in Italy.

Il tema dei saloni estivi 2017 di Pitti Immagine è energia vitale: fiori macroscopici e gentilmente prepotenti invadono la fortezza, piovendo su tutto, ammantando gli spazi, sbocciando in creazioni artistiche e icone digitali, contagiando l’atmosfera con uno spirito che dispone al fiorire di nuove idee. Il concept, layout e direzione creativa di BOOM, PITTI BLOOMS sono a cura del lifestyler Sergio Colantuoni.

Pitti Uomo_EVT_CFMI-min

Anteprima lunedì 12 con il Centro di Firenze per la Moda Italiana che rinnova il proprio legame con Palazzo Pitti invitando buyers, media e ospiti internazionali. Si chiama “Meraviglia Water and Flames” il programma preparato dai Sonics, una delle più importanti compagnie di teatro acrobatico che si esibiscono in tutto il mondo. “È per noi un onore poter presentare al fashion system e alla città questa straordinaria serata di benvenuto che rinnova il profondo legame tra Arte e Moda – ha detto Andrea Cavicchi, presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana -. Un percorso nato nel 2014 con Firenze Hometown of Fashion e che si è trasformato, in breve, in un appuntamento irrinunciabile per il mondo della moda e per Firenze. La mission del Centro Moda è quella di promuovere e valorizzare l’immagine di Firenze a livello internazionale nel contesto del mondo della moda, senza tralasciare la cittadinanza ma anzi renderla partecipe ad un appuntamento che sarebbe, altrimenti, solo per addetti ai lavori”. La manifestazione è organizzata dal Centro di Firenze Moda per la Italiana in collaborazione con Ice Agenzia, Mise – Ministero dello Sviluppo Economico e Pitti Immagine srl.

L’impegno del Centro Moda prosegue con il finanziamento degli interventi che hanno reso possibile la nascita del Museo della Moda proprio a Palazzo Pitti, quale tangibile attenzione nei confronti della culla del Made in Italy. Il 13 giugno infatti verrà inaugurata la mostra dal titolo “Il Museo Effimero della Moda” realizzata da Fondazione Pitti Immagine Discovery con Gallerie degli Uffizi e Palais Galleria, secondo episodio del programma triennale promosso da Centro di Firenze per la Moda Italiana e dalle Gallerie degli Uffizi. La mostra – aperta fino al 22 ottobre – è curata da Olivier Saillard in collaborazione con Caterina Chiarelli. Evento realizzato con il patrocinio del Comune di Firenze, sarà una vera rivoluzione temporanea degli spazi in vista del nuovo Museo della Moda.

Pitti Uomo_NWS_arearelax-min

Cambia anche il layout di Pitti Uomo alla Fortezza da Basso: un inno al colore, alla convivialità, all’energia vitale, ed esplosione di creatività attraverso caleidoscopiche installazioni. Il tema di questa edizione, Boom, Pitti Bloom fiorisce letteralmente negli spazi della Fortezza, che si rinnovano attraverso stimolanti tracciati lungo il suo percorso espositivo, pronti a captare le energie del fashion internazionale. Da questa edizione di Pitti Uomo al Padiglione Medici, location strategica nel percorso della ricerca, la sezione TOUCH! offre, all’interno del percorso di Pitti Uomo, una speciale area relax. Con un progetto realizzato dall’architetto Nicolò Bernardini e dal lifestyler Sergio Colantuoni  prenderà vita una speciale installazione composta da 3 maxi diaframmi, su telai da carton-gesso, che si sovrapporranno in maniera alternata.Alla Fortezza, negli spazi chiave del percorso di Pitti Uomo, verranno inoltre realizzate undici speciali postazioni relax: sedute lineari che, sul fil rouge di una continuità allestitiva, saranno realizzate con telai da carton-gesso e legno giallo e pattern Boom, Pitti Blooms.

Pitti Uomo_temodernman-min

Il fair play maschile, inoltre, scende in strada a Milano con The Modern Man. MonteNapoleone District, l’associazione che promuove nel mondo la destinazione dello shopping di eccellenza, Robb Report e Milano Unica sono i promotori di un’originale installazione fotografica focalizzata su un capo di abbigliamento dell’uomo contemporaneo. Allestita in via Montenapoleone dal 10 al 20 giugno, ha il patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana e il supporto di Pitti Immagine Uomo, che ospiterà dal 13 al 16 giugno un totem dedicato alla mostra nella Fortezza da Basso a Firenze.

A Pitti Uomo 92 continua anche la collaborazione tra Pitti Immagine e Opificio delle Pietre Dure: una sinergia tra due eccellenze toscane che lavorano su temi affini della bellezza e dell’arte. Dal 24 maggio al 24 settembre 2017, il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure ospiterà un’opera straordinaria e poco conosciuta, restituita al pubblico dopo un delicato intervento di restauro: il reliquiario mediceo in vetro a lume conservato presso il Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti. Un oggetto raro e affascinante, costituito da un’ampia gamma di materiali e rara raffinatezza.

Pitti Uomo_NWS_opificio-min


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *