di


Pillole di Economia / Lusso, in positivo i bilanci 2014

Il mese di marzo è sempre tempo di bilanci per le società. Il 2014 sembra essersi chiuso, dal punto di vista finanziario, con molte buone notizie  nel campo del lusso. Il gruppo Swatch vede crescere i suoi segmenti di orologi e gioielli, così in aumento è il fatturato di Festina Italia, la filiale del gruppo spagnolo, mentre gli accessori trainano le vendite di Ferragamo.

Swatch-group

Gruppo Swatch, fatturato da 8,6 miliardi.
Il Gruppo Swatch, con i suoi 20 marchi, ha generato un fatturato lordo di 8,6 miliardi di euro nel 2014. Vendite aumentate del 3%, nonostante la situazione valutaria in corso molto difficile, con un effetto cambi negativo pari a 138 milioni di franchi svizzeri per l’intero anno. Inoltre, come era già stato evidenziato nell’outlook parziale, l’incendio alla sede dell’ETA aveva influenzato negativamente le vendite del primo semestre. Il segmento orologi & gioielli ha visto una crescita del fatturato lordo del 5,6% e del fatturato netto del 3,9%. Le esportazioni di orologi da polso alla fine di dicembre 2014 sono aumentate dell’1,7%. Molti gli investimenti nel marketing, come quello di Omega con il tour americano PGA Golf, e Longines nelle competizioni equestri, soprattutto in Giappone e negli Stati Uniti.

Festina italia

Vendite a +15% per Festina Italia.
Festina Italia, la filiale del gruppo orologiero spagnolo, ha chiuso l’esercizio 2014 con vendite a +15 per cento. Dopo una leggera contrazione delle vendite registrata nel 2013, il dato di chiusura 2014 si è assestato su un +15%. “Abbiamo osservato una chiara continuità positiva, come negli ultimi 4 anni, che ci fa ben sperare per questo 2015 iniziato con risultati favorevoli e nel rispetto delle previsioni di budget – spiega Ignazio De Lucia, recentemente nominato Direttore Generale della Filiale -. Le nostre scelte sono dettate dalla volontà di costruire giorno per giorno riferendoci ad un orizzonte temporale di lungo termine, il mordi e fuggi non è nelle nostre corde ne nelle nostre intenzioni. La Filiale ha trovato un proprio ritmo di crescita che credo sia impostante rispettare”.

Ferragamo

Ferragamo vola con gli accessori.
Calzature, borse e accessori in pelle continuano a trainare i conti di Ferragamo: complessivamente le vendite del gruppo sono aumentate del 6%, a 1.332 milioni, differenziandosi così per categoria: calzature a +4,5% e +12,6% per la pelletteria. Si è ridotto del 5,8% invece il volume delle vendite dell’abbigliamento. I vertici della società, nel commentare i dati, hanno dichiarato che i target fissati dagli analisti per il 2015 sono raggiungibili, “in assenza di rilevanti fenomeni geopolitici avversi”. Le stime degli analisti indicano una crescita del fatturato del 10% e una marginalità di poco superiore al 22%, anche se il dato sui ricavi sarà influenzato dall’andamento dei tassi di cambio.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *