di


Pianegonda è un marchio esclusivo del gruppo Bros Manifatture

Il Tribunale di Venezia inibisce al Sig. Franco Pianegonda ed alla Maison Franco Pianegonda s.r.l. (oggi Maison FP s.r.l.) l’uso del segno distintivo “Pianegonda” e “Franco Pianegonda” e riconosce i diritti di ESCLUSIVA al Gruppo marchigiano della famiglia Beleggia

Il gruppo Bros Manifatture, titolari dei marchi Brosway, Rosato, S’Agapò, Dhiva, Bros cinturini, vince in tribunale la querelle relativa al marchio Pianegonda. Infatti, il gruppo marchigiano, negli anni scorsi (2015), aveva acquistato i diritti dal precedente proprietario trovandosi però di fatto sul mercato linee di gioielli brandizzati “Franco Pianegonda”. Ora il Tribunale di Venezia ha  emesso una sentenza a conferma e tutela dei diritti esclusivi relativi al marchio PIANEGONDA. In particolare:  “la sentenza del 6 aprile 2020 n. 623 del Tribunale di Venezia ha dichiarato che “il marchio PIANEGONDA  è un marchio di nostra esclusiva titolarità e inoltre ha accertato che qualunque uso con finalità distintiva del marchio “Franco Pianegonda” o di altri segni distintivi (marchio, ditta, insegna, nomi a dominio, ecc.) contenenti comunque il nome “Pianegonda” nel settore degli articoli di gioielleria, bigiotteria, orologeria e prodotti affini costituisce una contraffazione del nostro marchio PIANEGONDA” – dichiarano i vertici di  Bros Manifatture in una nota stampa. “Il Tribunale di Venezia, confermando la propria precedente ordinanza del 16 febbraio 2017emessa al termine del procedimento in via cautelare e d’urgenza,  ha inibito al Sig. Franco Pianegonda ed alla Maison FP srl (già Maison Franco Pianegonda S.r.l.) “l’utilizzo in forma distintiva del segno “Pianegonda” anche abbinato a “Franco” e a “designed by”” ed ha ordinato agli stessi il ritiro dal commercio, entro 60 giorni dalla sentenza, dei prodotti recanti il marchio “Pianegonda” e del relativo materiale promo/pubblicitario, disponendo una penale di Euro 50,00 per ogni violazione dell’inibitoria e di Euro 500,00 per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del provvedimento” – conclude il documento.

www.brosmanifatture.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *