di


PETA chiede ai grandi marchi di fermare la strage di coccodrilli

peta-2-compressor

La PETA continua le sue iniziative a tutela degli animali e denuncia gli allevamenti di coccodrilli in Vietnam, ma anche in tutti quelli dell’Africa, dell’America del Nord e dell’Asia. Gli animali vivono stipati in piccole celle in cemento fino al momento dell’uccisione che avviene con metodi cruenti e disumani.

peta-1-compressorTra le aziende fornite, ci sono anche concerie di proprietà di grandi marchi a cui la PETA sta chiedendo di interrompere la produzione e vendita di prodotti in pelle di animali esotici. “Una borsa di coccodrillo significa che un essere vivo e senziente ha trascorso un’esistenza miserabile e ha subito una morte orribile”, dice il direttore della PETA Ingrid Newkirk. “La PETA chiede a tutti di non acquistare pelli di animali esotici al fine di evitare che i rettili vengano imprigionati, mutilati, e scuoiati vivi.”

peta-3-compressor

PETA.org.uk.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *