di


Per Muzzico Gioielli creare bellezza è una mission possible

Chi più chi meno vantiamo tutti una certa attività immaginativa ma la vera creatività è riuscire a dare nuova realtà al classico, creando una bellezza divergente e per questo unica. Luce all over. Il perfezionismo di Nino Muzzico si muove su questa linea con la sua immutabile passione che firma la tradizione senza lasciarsi risucchiare dal passato, e riempie tutto lo spazio con la luce per trafiggere le pietre. Solo così quei sassolini, per quanto rari e inestimabili, potranno far vivere al gioiello una meravigliosa esplosione di nuances. E anche gli assemblage più limpidamente monocromi cambiano in masse di colore grazie ad effetti di movimento, di vuoti dalla grazia di un merletto.

Il metallo lo attorciglia e lo ritorce modellandolo in corde preziose puntellate da piccoli abbracci di brillanti, i pendenti li lascia sospesi in dondolamenti morbidi, le forme le raffigura tra linee stilizzate e l’immaginoso, ma è il pavé che governa in tratti semplici o bombati le sue idee compiacendo la curiosità delle donne, sempre alla ricerca di particolari per soddisfare spontanei peccati di vanità.

E la scelta è infinita. Dal solitario, che resta il gioiello più desiderato dalle innamorate, ad una fantasia non ammaestrabile che come nelle profondità abissali il moto del mare varia lo scenario così Muzzico risveglia l’oro con movimenti simili a danze di anemoni d’acqua, a lenti migrazioni di granelli di sabbia che arresta in un sequel di ondine. Ma in vetrina tutto è immobile ed ogni bellezza resta muta al di là del vetro. Bisogna perciò indossarli, toccarli, lasciarsi incantare dai riflessi delle gemme come da un magico caleidoscopio per essere investiti da una emozione vera. Le premesse ci sono tutte.


1 commento

  1. Per Muzzico Gioielli creare bellezza è una mission possible … says:

    […] fonte: Per Muzzico Gioielli creare bellezza è una mission possible … Articolo aggregato il 15 marzo, 2011 alle 10:47 ed archiviato in Gioielli. Puoi seguire il […]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *