di


Per il MUSEO DEL GIOIELLO oltre 28000 presenze in soli cinque mesi: un successo annunciato

Museo del Gioiello  credits by Cosmo Laera
Museo del Gioiello
credits by Cosmo Laera

Ha nove sale tematiche:Simbolo, Magia, Funzione, Bellezza, Arte, Moda, Design, Icone e Futuro, e i suoi circa 400 gioielli esposti, in soli cinque mesi, hanno registrato ben oltre 28.000 visitatori. Il Museo del Gioiello di Vicenza, progetto di Fiera di Vicenza realizzato in partnership con il Comune di Vicenza, ha sede nella Basilica Palladiana in un percorso allestitivo progettato dalla designer Patricia Urquiola. Ogni esposizione ha la durata di due anni, trascorsi i quali cambiano i curatori e la relativa selezione, e se nel mondo è uno dei pochi dedicato esclusivamente al gioiello, in Italia è il primo esempio di raccolta omogenea e tematica del settore. Il progetto scientifico del direttore, la professoressa Alba Cappellieri, è teso a promuovere il gioiello nei suoi diversi contesti attraverso una esposizione permanente che si arricchisce di volta in volta dieventi temporanei.Fino al 1 luglio 2015, ad esempio, l’abilità manifatturiera del principale distretto in Italia dedicato alla lavorazione di coralli, cammei e perle, Torre del Greco, si esprimerà attraverso 100 gioielliin corallo, cammei e perle realizzati dalle più prestigiose aziende della cittadina campana. È la mostra ‘Gioielli del Mare. Coralli, Cammei, Perle tra Memoria e Modernità’, curata da Cristina del Mare e organizzata da Assocoral in collaborazione con Fiera di Vicenza.

Dal 16 luglio, invece, in continuità con i temi di Expo ci sarà “Gioielli in Tavola”, per la quale sarà di scena il cibo attraverso 150 gioielli realizzati con alimenti o ad essi ispirati. I lavori di maestri del calibro di Gaetano Pesce, Barbara Uderzo e Iv design(i designer vicentini Ivano Vianello e Francesca Braga Rosa) e le opere di giovani talenti avranno in comune la commestibilità, tra cristalli di zucchero, vegetali essiccati e quanto la loto fantasia ha saputo prendere dalla natura.

Corrado Facco, Direttore Generale di Fiera di Vicenza, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti del successo che sta riscuotendo Il Museo del Gioiello, sia per quanto riguarda il progetto principe dedicato ai 400 pezzi straordinari provenienti da tutto il mondo, sia grazie alle Mostre temporanee inaugurate con “I Gioielli del Mare” e che vedranno come seconda iniziativa un’esposizione incentrata sui “Gioielli in Tavola”. Questo progetto vuole rappresentare un omaggio al grande appuntamento dell’Expo, attraverso un percorso sui generis che unisce due mondi lontani come il cibo e i gioielli. E’ la filosofia di fondo del Museo del Gioiello, un progetto dal concept innovativo che vuole proporre un racconto di ampio respiro sulla gioielleria. Fiera di Vicenza rafforza così la propria capacità di creare valore e nel proporsi come innovativo esempio di interconnessione tra business, fashion e cultura”.

“La mostra ‘Gioielli in tavola’ presenta gioielli dalle forme insolite e dai materiali atipici: colla di pesce, pretzel, liquerizia, zucchero, riso e sale che si uniscono ai vegetali più misteriosi per gioielli davvero sorprendenti.Ha spiegato Alba Cappellieri – Ne emerge una nuova geografia dell’ornamento, allegra e colorata. Il cibo è qui interpretato sia nella sua funzione di alimento commestibile che come ispirazione cromatica e formale. È una mostra poetica, che riserva molte sorprese e ci fa riflettere sui valori del gioiello”.

montalbetti copy

foto  (1) copy

sale 1 copy copy

poptiffany_aliceparavati copy copy

 

www.museodelgioiello.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *