di


Pechino, grande spettacolo nella boutique Montblanc più grande del mondo

Oltre 1000 invitati tra vip e appassionati all’inaugurazione del flagship store cinese: 4 piani di orologi, gioielli e accessori

Naomi Watts, Lutz Bethge, Nicolas Cage e Jessica Alba

Un vero tripudio di gioielli, orologi e… vip, all’apertura della boutique Montblanc a Pechino, la più grande mai inaugurata dal brand nel mondo. Un concept store che nella sua prima serata ha visto alternarsi grandi attori di Hollywood a celebri personaggi orientali, da Naomi Watts e Jessica Alba a Bianca Bai e Bonnie Chen. Non poteva mancare, naturalmente, l’amministratore delegato di Montblanc, Lutz Bedge, che ha accolto gli ospiti rimasti senza parole di fronte alla maestosità dello showroom.

Quattro pianti nel cuore di Sanlitun, a Pechino, dove i visitatori sono chiamati a scoprire, un po’ alla volta, il mondo dei capolavori di Montblanc. Con un focus sul design e sull’arte contemporanea, la boutique offrirà una esperienza di shopping unica: orologi, gioielli raffinati, strumenti di scrittura e prodotti in cuoio, accessori ed edizioni limitate. È un vero e proprio viaggio interattivo che racconta il patrimonio dell’azienda e dei suoi oltre 100 anni di eccellenza.

Alla prima mondiale del flagship store cinese, Montblanc ha presentato l’intera collezione Princesse Grace de Monaco, tributo alla squisita eleganza senza tempo di Grace Kelly. La serata ha ripercorso la storia dell’attrice statunitense diventata adorata moglie del principe Ranieri III di Monaco. Proprio il principato, per una notte. è stato riportato in vita e ricreato nella capitale della Cina. Presenti all’evento glamour gli attori Nicolas Cage, Naomi Watts, Amber Heard e Jessica Alba, la pluripremiata attrice Maggie Cheung e più di mille ospiti: stelle di oggi sono state affiancate dalle stelle di ieri con apparizioni a sorpresa di altre icone di Hollywood: Marilyn Monroe, Charles Chaplin e Elvis Presley, nell’ambito di uno spettacolo andato in scena sul tappeto rosso.

Foto di Feng Li e Andreas Rentz
Copyright: 2012 Getty Images

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *