di


Orologiai riparatori, manifestazione a Roma contro gli oligopoli

Il prossimo 13 novembre protesta a Roma per la mancanza di pezzi di ricambio. La denuncia: “Le multinazionali gestiscono anche il mercato dell’assistenza”

Orologiai

Riparazioni degli orologi, protesta a Roma. Per il prossimo 13 novembre gli orologiai riparatori dell’Associazione Orafa Lombarda, guidati da Maurilio Savoldelli, hanno  organizzato una manifestazione che si muoverà da via Molise fino a piazza Montecitorio per portare all’attenzione del governo la situazione attuale del mercato dei riparatori.

“Quando le grandi multinazionali sono arrivate ad acquisire la maggior parte dei marchi del settore dell’orologeria – si legge nella nota che annuncia la protesta -, hanno scoperto che il mercato delle riparazioni e dell’assistenza è un mercato economicamente importante.  Hanno quindi deciso di gestire direttamente questo business, impedendo agli orologiai di svolgere la propria attività, semplicemente non fornendo più loro i pezzi di ricambio. Hanno così dato vita ad una sorta di oligopolio che consente loro di fissare condizioni e prezzi per le prestazioni che solo loro sono in grado di effettuare, perché solo loro dispongono dei pezzi di ricambio”.

La situazione denunciata dagli orologiai riparatori comporta,  nei fatti, maggiori difficoltà anche per i consumatori che “non essendo più liberi di rivolgersi al proprio negozio/laboratorio di fiducia, sostengono costi maggiori per riparare il proprio orologio, mentre per gli orologiai riparatori significa chiudere bottega”, si legge ancora nella nota.

Si tratta comunque di un problema che riguarda l’intera Europa, tanto che gli Orologiai si sono rivolti alla Commissione Europea che però, dopo 4 anni, ha respinto il reclamo per l’irrilevanza economica della questione. Ora il ricorso è stato presentato alla Corte di Giustizia Europea.


5 commenti

  1. paolo borra says:

    In effetti, qualche centinaio di artigiani che chiude bottega cosa conta per la Commissione Europea? Da anni noi commercianti di orologi (o ex) rileviamo questo problema.
    Tariffe alte, a volte insostenibili per i clienti che hanno orologi da riparare.
    Tempi lunghissimi. Mancanza di dialogo con i marchi orologiai.
    La soluzione? Lasciare che se li vendano loro gli orologi e che poi gestiscano il post vendita a loro modo.
    Toglierci dal loro mercato.
    Tra qualche anno gli orologi a movimento meccanico saranno solo per pochi.
    E loro torneranno indietro


  2. Virna says:

    Le grandi Case orologere non molleranno e non si piegheranno a nessuna richiesta. A parte qualcuno al di sopra come lo é Patek Philippe. Purtroppo per noi artigiani orologiai, commercianti del vintage, collezionisti etc. Il loro unico obbiettivo é la distribuzione e la vendita della nuova produzione ed é ovvio che se si ripara un vecchio orologio mon se ne compra uno nuovo. Non interessa loro il prestigio poiché giá lo hanno ma non capiscono che con questo attegiento si staccheranno dalle vere grandi Case orologere che continuano a dare garanzia a vita delle proprie produzioni. Quindi ben venga una manifestazione, io l’ho fatto di persona per anni. Forse bisognerá tornare a costruire i pezzi da soli come facevano i vecchi Mastri orilogia. A presto. V.


  3. Mario fontanarosa says:

    e vergognoso , ma noi non molleremo andremo fino in fondo non si rendono conto che c’è una grossa percentuale di riparazioni che torna indietro per preventivi folli.


  4. La asociación Española de profesionales relojeros, intentara por todos los medios estar en la manifestación, ya que consideramos que es trabajo denunciar y que el dueño del reloj y los gobiernos se enteren de los que ocurre con las marcas helveticas de relojes.


  5. VERISSIMO NON SI PUO PIU LAVORARE IO QUASI IN PENSIONE MA I GIOVANI CHE VOGLIONO INTRAPRENDERE QUESTA PASSIONE?…POI SI PARLA TANTO DI INNOVAZIONE E DI COMPETENZE QUANDO LE CASE PIU IMPORTANTI NON MANDANO RICAMBI CI DOBBIAMO AFFIDARE A RICAMBI GENERICI O NON ORIGINALI O ADDIRITTURA VECCHI?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *