di


Oroitaly premia l’eccellenza

Camera di Commercio di Napoli, una kermesse per sottolineare l’importanza ed il valore della napoletanità

da sx: Bianca Pezzuto, Salvio Pace, Rosario Lavorgna, Gianni Lepre, Martina Pace

L’eccellenza va premiata e Oroitaly non è mancata al consueto appuntamento in Camera di Commercio, a Napoli, dove lunedì 9 dicembre presso la sala “Cutolo” (Ex Sala Parlamentino) l’associazione orafa, guidata dal Presidente Salvio Pace e dal Segretario Generale Gianni Lepre, ha celebrato la sua kernmesse in diretta tv su Julie Italia.

Gianni Pace con Sara Lubrano

Numerosi riconoscimenti all’impegno imprenditoriale e sociale sono stati assegnati a coloro che si sono distinti nei propri campi di attività con un comune denominatore: i valori morali e sociali espressi nel mondo della cultura, della moda, dello sport, del giornalismo, dell’editoria, dell’imprenditoria e della sanità, nella costruzione del benessere e della legalità.

Hanno ricevuto i premi: Gennaro Amato, Raffaele Antonelli, Attilio Bianchi (assente, hanno ritirato il premio tre ricercatori: Marco Palla, Annamaria Rachiglio, Maria Tagliamonte), Maria Erminia Bottiglieri, Cantine Federiciane Monteleone della famiglia Palumbo, Luigi Carrino, Centro Aktis Diagnostica e Terapia della famiglia Scoppa, Gennaro Coppola, Bruno Cremiato, Michele Cutolo, Pino Di Gennaro, Ferdinando Fontanella, Carmela Formisano, Gino Giammarino, Danilo Iervolino, Sara Lubrano, Fabrizio Luongo, Gianni Maddaloni, Luigi Nicolais, Patrizio Oliva (assente), Antonello Perillo, Anna Rago, Patrizio Rispo, Antonio Romano, Paolo Scudieri (assente, ha ritirato il premio Silvino Mezza), Franco Simone, Sara Lubrano ed Ernesto Sica (con la formula ex aequ0.

A condurre la serata, coordinata da Martina Pace, è stato il giornalista Rosario Lavorgna. Tra gli intervenuti: il Vicepresidente della Camera di Commercio Fabrizio Luongo e l’Assessore alle Attività produttive Comune di Napoli Rosaria Galiero mentre tra i presenti, i Consiglieri di Oroitaly Biancamaria Pezzuto (Vicepresidente), Romualdo Pettorino, Rino Sorrentino, Antonio D’Amore. Tutti accomunati nel sottolineare l’importanza ed il valore della napoletanità; la necessità di rimanere sul territorio al fine di migliorarlo facendone emergere le eccellenze: la grande opportunità data dall’associazionismo nell’edificare fondamenta di giustizia e prosperità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dinacci 1280×90